chiara ferragni
Comunicazione ed editoria,  F,  Influencer

Ferragni, Chiara

Chiara Ferragni, tutto sulla top digital leader

Indice

  1. Le origini e l’esordio
  2. The Blonde Salad
  3. Top digital leader
  4. Chiara Ferragni Collection
  5. Chiara Ferragni e Federico Lucia: i Ferragnez
  6. Il documentario “Chiara Ferragni Unposted”
  7. Chiara Ferragni imprenditrice

LE ORIGINI E L’ESORDIO

Chiara Ferragni nasce a Cremona il 7 Maggio 1987. Primogenita, ha due sorelle minori, Francesca e Valentina.  Affezionatissima al suo cane, Matilda. Dopo aver conseguito la maturità classica al Liceo Classico “Daniele Manin”, si trasferisce a Milano. Qui si iscrive all’Università Bocconi, facoltà di Giurisprudenza.

Chiara Ferragni con le sorelle Valentina a Francesca da piccole
Chiara Ferragni con le sorelle Valentina a Francesca da piccole

Molto legata alla famiglia, vive tra Cremona e Milano. Vicina alla laurea decide di abbandonare gli studi per per dedicarsi alla sua vera passione, la moda. Passione ereditata dalla mamma, venditrice di moda e con un grande amore per la fotografia. Nell’ottobre del 2009 apre un blog dal nome The Blonde Salad, insieme all’ex fidanzato Riccardo Pozzoli. Inizia così la sua ascesa nel mondo della moda.

THE BLONDE SALAD

Il blog nasce dal desiderio di Chiara di farsi conoscere. È sempre stata molto ambiziosa e consapevole della sua bellezza. Così The Blonde Salad inizia il suo corso, nonostante le gelosie di Riccardo Pozzoli, che non amava vedere la fidanzata esibita online. Egli cambia idea una volta trasferitosi negli Stati Uniti, per frequentare un master di marketing a Chicago. Capisce che la strada che hanno intrapreso è la strada che porta al successo, e inizia in prima persona a scattare delle foto a Chiara.

Con un investimento iniziale di circa 500 euro il blog inizia a mietere i primi successi, complice anche l’aspetto fisico della bella Chiara, ragazza acqua e sapone, bionda e con gli occhi azzurro cielo.

La storia tra i due giovani termina dopo 5 anni di relazione, ma la coppia continua a lavorare insieme mantenendo un buon rapporto. Inizialmente, nel blog, la giovane studentessa lombarda racconta la sua vita che si divide tra Milano, dove studia e vive la sua settimana, e Cremona, dove torna ogni weekend per poter stare con la sua famiglia. Inoltre rende protagonisti dei suoi post anche Riccardo e Matilda.

Chiara, con il passare del tempo, inizia a concentrarsi sempre di più sui suoi outfit, sui vestiti che compra, sempre molto di tendenza e dispensa consigli ai suoi lettori. La sua visibilità cresce sempre di più.

Il blog The blonde salad
Il blog The blonde salad

LA REGINA DEI FASHION BLOG

Nel 2010 Chiara Ferragni viene invitata come ospite agli MTV Trl Awards, dove presenta la sua prima linea di scarpe. Il suo marchio cresce con il passare del tempo e ha un successo tale che nel dicembre 2011 viene segnalata da Vogue Italia come blogger of the moment, visto che The Blonde Salad ogni mese ottiene più di un milione di visite e una media di dodici milioni di pagine viste.

Nel 2013 arriva il momento di un e-book, sempre intitolato The Blonde Salad. Nel dicembre dello stesso anno collabora con Steve Madden per la progettazione di una collezione di scarpe per la primavera 2014. A dicembre è giudice ospite nella tredicesima edizione di Project Runway.

Nel 2014 le sue attività la portano ad un fatturato di circa otto milioni di dollari, che diventano più di dieci nel 2015. Anno importante per la influencer, che diventa caso di studio da parte della Harvard Business School. Tutte le riviste di moda parlano di lei. Vogue Spagna le mette in copertina, prima fashion blogger ad aver raggiunto un traguardo simile.

Nel 2016 la Ferragni è testimonial di Amazon Moda e global ambassador di Pantene. Posa senza veli per l’edizione di Vanity Fair USA, che la consacra come personaggio che vanta più di otto milioni di follower sul suo account di Instagram. Anticipa i cambiamenti in Italia: in alcuni scatti appare l’hashtag #ad per chiarire che si tratta di pubblicità. Nel 2015 Forbes la inserisce nella lista dei trenta artisti europei con meno di trent’anni più importanti. La Mattel realizza una Barbie in suo onore.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Chiara Ferragni ✨ (@chiaraferragni)

Nel 2017 viene nominata dalla rivista Forbes “l’influencer di moda più importante al mondo”, e viene scelta da Swarovski come testimonial della collezione natalizia, accanto alle top model Karlie Kloss, Naomi Campbell e Fei Fei Sun.

Nel novembre 2020, ha lanciato una capsule di prodotti make up in edizione limitata in collaborazione con Lancôme.

Capsule collection x Lancome
Capsule collection x Lancome

TOP DIGITAL LEADER

Il 6 dicembre 2017 viene premiata a Roma come Top Digital Leader e nella categoria Web Star italiane donne, nell’ambito della prima ricerca sulla leadership digitale in Italia.  Nel 2018 viene scelta come testimonial dall’azienda di gioielleria Pomellato e dall’azienda di intimo Intimissimi, in quest’ultima affiancando la modella Gisele Bündchen.

Triangle Obsession - la collezione triangoli Intimissimi secondo Chiara  Ferragni
Triangle Obsession – la collezione triangoli Intimissimi secondo Chiara Ferragni

Chiara Ferragni rafforzare il blog che l’ha resa milionaria. Ha infatti concluso un accordo con Ibox Digital, controllata del gruppo Giglio, quotato in Borsa sul segmento Star, per la gestione e lo sviluppo del suo portale The Blonde Salad.

Ad annunciarlo la società fondata nel 2003 da Alessandro Giglio, Ibox Digital, che svilupperà e gestirà in tutto il mondo il portale e-commerce The Blonde Salad, dalla strategia digitale fino alla consegna finale all’utente, mettendo a disposizione il proprio modello di e-commerce strutturato che consente una accelerazione delle vendite online.

The Blonde Salad, nato inizialmente come fashion blog, è oggi una delle più celebri piattaforme digitali che offre una esperienza di lifestyle a 360 gradi, un vero e proprio marchio di riferimento che crea e diffonde contenuti giornalieri che ispirano i suoi utenti e li invita a partecipare ad una conversazione collettiva sulla moda.

CHIARA FERRAGNI COLLECTION

Nel 2013 fonda il suo brand. All’inizio produce solo calzature, ma in poche stagioni il brand evolve verso un completo total look, corredato da scarpe, abiti, accessori. Come logo, Ferragni scegli un occhio stilizzato con il quale distinguerà poi tutta la collezione. Il marchio riscontra un notevole successo e nel 2016 muove i primi passi verso un’espansione globale: vengono lanciati dei pop up stores tra i quali Le Bon Marchè a Parigi, LuisaViaRoma a Firenze, Apropos a Colonia, Breeze Center a Taiwan, Selfridges a Londra. ll brand si rafforza dal luglio 2017 con l’apertura di flagship stores nel cuore delle città più cool: Milano (Corso Como), Parigi, Shanghai e Hong Kong.

il flagship chiara ferragni collection di milano
il flagship chiara ferragni collection di milano

Dopo aver annunciato l’intesa con Swinger per abbigliamento, borse e accessori, il brand Chiara Ferragni Collection ha firmato anche partnership con Monnalisa per il childrenswear e infine ha siglato un accordo di licenza pluriennale con Velmar (Gruppo Aeffe) per la produzione e distribuzione globale delle collezioni di intimo e beachwear. In occasione della nascita della figlia, ha lanciato anche una linea di tutine per neonati.

Per il marchio Chiara Ferragni collection il primo mercato è l’Europa con un peso del 75%, con in testa l’Italia, seguita da Francia, Russia e Spagna. Il brand mira ad ampliare la sua diffusione negli Stati Uniti e in Asia. I partner scelti per l’approdo in questi territori sono Riqing group e Tmall.

Chiara Ferragni collection campaign
Chiara Ferragni collection campaign

CHIARA FERRAGNI E FEDERICO LUCIA: I FERRAGNEZ

Nel 2016, la fashion blogger intraprende una storia d’amore con il rapper Fedez, la popolarità dei due, soprattutto sui social network, cresce grazie anche alla loro immagine di coppia. L’account di Instagram arriva a contare 10 milioni di follower. Dopo la relazione con Riccardo, Chiara conosce a un pranzo con amici il cantante rapper Fedez, ma inizialmente non scatta niente tra i due. Chiara è in America e degli amici le inviano una canzone, dal titolo Vorrei ma non posto, di Fedez, dove il rapper  la cita in una delle strofe. L’ascolta e ci ride su, decide così di pubblicare un piccolo video in cui canta il pezzo che la riguarda, ovvero: “il cane di Chiara Ferragni ha il papillon di Vuitton e un collare con più glitter di una giacca di Elton John”. Fedez guarda il video e ne posta a sua volta un altro in cui le risponde: “Chiara limoniamo”.

Da qui Chiara e Fedez iniziano a scriversi e lui la invita a cena. La blogger viene subito colpita dalla sua schiettezza e dal suo essere deciso. Il 6 Maggio 2017, durante un suo concerto all’Arena di Verona, Fedez chiede a Chiara di sposarlo e lei risponde sì. Il 28 Ottobre 2017 la coppia annuncia di aspettare un bambino che decidono di chiamare Leone. Il giorno 19 marzo 2018 a Los Angeles nasce Leone Lucia, primo figlio delle celebrities. Il 23 marzo 2021, la coppia dà alla luce la secondogenita Vittoria Lucia Ferragni.

IL MATRIMONIO

Il 1 settembre del 2018 Chiara e Fedez si sposano a Noto in Sicilia, diventando per sempre i Ferragnez. L’abito da sposa di Chiara è realizzato da Maria Grazia Chiuri, direttrice creativa della maison Dior. Ma a lasciare tutti a bocca aperta, dopo lo splendore del primo vestito, è stato il secondo. Per la festa, infatti, la sposa ha fatto un cambio d’abito. Eleganza e originalità si fondono in un capo firmato ancora dall’etichetta Dior.

Chiara Ferragni vede per la prima volta il suo abito da sposa: il video

Nell’antica villa alle porte di Noto, Chiara Ferragni ha indossato un abito di tulle color nude. La particolarità del vestito è stato il ricamo: sull’abito si leggono le parole della canzone con cui Fedez le ha chiesto la mano, Favorisca i sentimenti. Presenti decorazioni che ripercorrono la vita della coppia, un leoncino per il figlio, un aereo simbolo dei viaggi di Chiara, il Duomo di Milano – la loro città -, cuori, stelle, uccelli, occhio simbolo del suo marchio.

Dopo il matrimonio Chiara raggiunge quasi 15 milioni di seguaci sui social.

Nel dicembre 2020, hanno ricevuto il premio Ambrogino d’oro della città di Milano. Un premio arrivato come segno di riconoscenza per aver stanziato la raccolta fondi durante la pandemia di Covid-19, per l’apertura di un nuovo reparto di terapia intensiva dell’ospedale San Raffaele di Milano.

IL DOCUMENTARIO “CHIARA FERRAGNI UNPOSTED”

Nel 2019 Chiara è stata protagonista del documentario Chiara Ferragni Unposted. Un documentario autobiografico diretto da Elisa Amoruso e incentrato sul ruolo giocato dai social network nell’influenzare e determinare il mondo del business. In Italia il documentario ha incassato 1 601 499 euro nel corso dei tre giorni di programmazione.

CHIARA FERRAGNI IMPRENDITRICE

Chiara Ferragni dal 2019 guida come CEO, Serendipity, società che vede nell’azionariato come primo azionista da Alchimia di Paolo Barletta, oltre all’imprenditrice al 32,5% e alle due società dell’imprenditore pugliese Pasquale Morgese (Esuriens e N1) al 13,75% ciascuna. Società che in occasione dell’assemblea straordinaria dei soci del 20 ottobre 2020 ha cambiato denominazione in Fenice nome che, come ha spiegato in assemblea la stessa Ferragni, «il cambio di denominazione corrisponde a una nuova fase aziendale.

Fra le partecipate da Chiara Ferragni c’è anche Tbs Crew (marchio The blond salad), che la vede al 55% mentre il 45% è in portafoglio a Esuriens, e Sisterhood, controllata al 99% dalla stessa Ferragni e partecipata allo 0,5% ciascuno da Valentina Ferragni e Fabio Salvatore Maria Damato. La prima ha chiuso il 2019 con ricavi per 6,4 milioni (5,75 milioni nel 2018) e un utile di 450mila euro (98mila euro nel 2018).

AL CDA DI TOD’S

Nell’aprile 2021, Chiara Ferragni è entrata nel consiglio di amministrazione di Tod’s. Il suo ingresso ha causato un aumento del valore in borsa del +14% e fa parte di un progetto di ritargetizzazione del brand marchigiano verso un pubblico più giovane.

Leggi anche:

Calzedonia

Di Vaio, Mariano