Swarovski

Fondata dal boemo Daniel Swarovski nel 1895, l’azienda austriaca detiene oggi il primato mondiale per quanto riguarda la produzione di cristallo tagliato. Grazie a strumenti tecnici di alta precisione, alimentati elettricamente su invenzione di Daniel Swarovski stesso, perfezionati con il passare degli anni fino agli elevati standard attuali, l’azienda rifornisce nel nostro secolo le industrie della moda, del bijou, del decor d’interni, dell’ottica di precisione. Cristalli a imitazione delle pietre preziose e semipreziose, strass e oggi anche pietre naturali sono le voci principali di un’attività produttiva che, nel campo del bijou, dell’accessorio e dell’oggetto d’arredo, soprattutto a partire dagli anni ’70, ha trovato sempre nuove vie d’applicazione coinvolgendo via via designer e stilisti di livello internazionale. Nel ’76 nacque la Swarovski Silver Crystal, prima linea di prodotti finiti offerti dall’azienda sul mercato: candelieri, fermacarte, oggetti regalo. Nell’87 fu fondata la Società dei Collezionisti Swarovski che proponeva oggetti da collezione a produzione limitata disegnati da architetti e artisti di fama internazionale, con alla testa Ettore Sottsass e Alessandro Mendini. Nell’89 l’azienda lancia la collezione di accessori d’alta moda che oggi si possono acquistare in boutique e magazzini selezionati in tutto il mondo insieme alla Swarovski Jeweler’s Collection, la collezione dei bijou Swarovski; nel ’92 inaugura una nuova serie di vasi, coppe e orologi firmati da designer come Giampiero Maria Bodino e Borek Sipek. Grazie alle équipe stilistiche interne, l’azienda austriaca ha ormai raggiunto una precisa definizione dell’immagine, soprattutto in seguito alla messa a punto nel ’99 di un trend book rivolto al mondo della moda e del bijou. Lancia Crystal, un tessuto super luminoso dagli effetti lunari. La novità è presentata a New York, nel corso della sfilata dell’enfant prodige Zac Posen, che ha utilizzato il nuovo tessuto per realizzare alcune creazioni.