Guo Pei
Brand e Fashion designer,  G

Guo, Pei

Guo Pei è una stilista cinese, nata a Pechino nel 1967

Guo Pei è la prima stilista asiatica ad essere invitata come membro ospite della Chambre Syndicale de la Haute Couture.  Nel 2016, il Time l’ha inserita nella lista delle 100 persone più influenti del mondo.

Come messaggera contemporanea della sua eredità culturale, ha dato nuova vita alle tradizioni di ricamo e pittura che risalgono a migliaia di anni fa.

Mostrando il meglio dell’artigianato tradizionale cinese mentre incorpora l’innovazione ed il gusto occidentale contemporanei, Guo Pei è considerata un’artigiana appassionata con il desiderio di ispirare le persone attraverso la sua arte.

Gli esordi

Nasce a Pechino nel 1967, ma la sua vita non è mai stata così semplice. Il padre era un ex capo di battaglione dell’esercito popolare e la madre una maestra d’asilo. In un’intervista per Forbes Magazine, ricorda che suo padre gettava via i suoi disegni e dipinti quando era bambina. Nella stessa intervista, Guo racconta che ha iniziato ad appassionarsi al mondo della sartoria all’età di 2 anni, aiutando sua madre a cucire i vestiti per l’inverno.

Nel periodo della sua infanzia, gli abiti di Mao erano considerati l’unica forma corretta di abbigliamento e Guo Pei si ribellava a questo con abiti larghi e aderenti. Nonostante le oppressive restrizioni imposte dalla moda, nel 1986 si laurea con il massimo dei voti alla Beijing School of Industrial Fashion Design e trascorre i 10 anni successivi a disegnare per i maggiori produttori.

Nel 1997 lancia il suo brand personale e il suo atelier Rose Studio, per il quale disegna vestiti ispirati alla tradizione imperiale cinese.

Attualmente è affiancata circa da 500 artigiani qualificati che si dedicano alla produzione delle sue splendide creazioni.  Alcune delle quali possono richiedere migliaia di ore e fino a due anni per essere completate.

L’abito giallo di Rihanna

Il 2015 è stato un anno di svolta per la designer, quando la cantante pop Rihanna ha scelto di indossare uno dei suoi modelli al Met Gala.

L’abito era stato concepito dalla designer Guo Pei nel 2008. Un vestito dal colore giallo canarino, un grande strascico circolare, bordato di pelliccia e ricamato con motivi floreali argentati. Ci sono volute circa 50.000 ore per realizzarlo e il peso finale era di circa 25 chili.

La reazione iniziale al modello dell’abito ha generato inevitabilmente commenti virali sui social media. La stoffa di colore giallo acceso e l’ampio strascico hanno fatto pensare che fosse simile alla forma di una frittata o di una pizza.

La foto dell’abito indossato dalla cantante è apparsa sulla prima pagina dell’edizione del Met Gala di Vogue. Tale esposizione mediatica ha reso la stilista più nota tra il pubblico occidentale.

Guo Pei
L’abito giallo indossato da Rihanna al Met Ball nel 2015.

Da Pechino a Parigi

Nel luglio 2015 è stata la volta della sua prima mostra personale al Musée des Arts Décoratifs di Parigi, seguita da una collezione di trucchi in collaborazione con MAC che ha registrato il tutto esaurito.

Nel corso dello stesso anno, Guo ha avuto l’onore di diventare un membro invitato della Chambre Syndicale de la Haute Couture, il principale organo di governo dell’industria dell’alta moda, permettendole di sfilare nel calendario della Settimana dell’Alta Moda di Parigi.

Guo ha debuttato all’Haute Couture di Parigi nel gennaio 2016, presentando la sua collezione “Courtyard” ottenendo un riscontro positivo da parte della critica. Nello stesso anno, è stata inserita tra le 100 persone più influenti della rivista Time e tra le 500 persone più influenti del Business of Fashion che plasmano l’industria globale della moda.

Collezione Mac Guo Pei

Altri progetti

Al principio degli anni 2000 Guo Pei inizia a farsi conoscere, quando le viene affidato l’incarico di creare modelli per le Olimpiadi estive del 2008 e per il Galà annuale del Festival di Primavera organizzato dalla China Central Television (CCTV).

A lei si deve l’abito realizzato con 200.000 cristalli Swarovski di Song Zuying, indossato alla cerimonia di chiusura delle Olimpiadi estive del 2008.

Nel 2020 ha disegnato i costumi del personaggio di Chang’e per il cartone animato Disney “Over The Moon”, su Netflix.

Guo Pei
Cartone animato Disney “Over The Moon”. Abito disegnato da Guo Pei.

Leggi anche:

KB- Hong alla Milano Fashion Week: la storia del brand

He Yan

Zhao, Huizhou