Larusmiani
Brand e Fashion designer,  L

Larusmiani

Larusmiani, azienda leader dell’area milanese

Gugliemo Miani apre la sua sartoria nel 1922, vestendo anche personaggi famosi fra cui: Buster Keaton, Charlie Chaplin, Totò, Fausto Coppi, Walter Chiari. Nel 1936 l’azienda inizia a produrre cappotti antipioggia. Del resto il suo nome deriva da gabbiano, in latino lauri, scelto per il piumaggio impermeabile oltre che per i valori di libertà che evoca.
Larusmiani
Negozio Larus
Fra il 1939 e il 1958 vengono aperte quattro boutique Larus nel centro di Milano, tra cui l’attuale in via Montenapoleone 7, dove è esposta anche la collezione di Lorenzi, storico marchio barberia e accessori maschili. Oltre agli abiti, Guglielmo Miani inizia a importare tessuti pregiati dalla Gran Bretagna: è il primo ad importare la preziosissima Vicuna dal Perù.
Nel 73 il figlio Riccardo Miani cambia il nome in Larusmiani. Nel farlo si armonizzano i valori sartoriali con quelli industriali. Ma si comincia anche a produrre tessuti totalmente Made in Italy, scelti poi dai più importanti brand della moda. Il 2000 segna una data importante: entra in azienda il nipote del fondatore, anche lui di nome Guglielmo come il nonno e, concentrandosi sulla confezione, porta la produzione ai livelli di oggi. 
Larusmiani
Guglielmo Miani
Nel 2006 e nel 2011 diventa rispettivamente il nuovo Amministratore Delegato e Presidente di Larusmiani. Con lo stesso nome e l’omonimo spirito imprenditoriale del nonno, Guglielmo individua subito le potenzialità della divisione abbigliamento.
Nel 2015 LARUSMIANI riesce a riportare nella Boutique di Via MonteNapoleone 7, oltre al know-how di Aldo Lorenzi, la sua collezione, che un tempo era situata nella leggendaria Boutique di Via MonteNapoleone 9.
Leggi anche: