Brand e Fashion designer,  O

Oh, Justin

Justin Oh, stilista inglese (1965)

justin oh
Una borsa dello stilista

Justin Oh (1965) è uno stilista inglese. Studia moda prima alla Saint Martin’s (’87), poi al Royal College of Art (’91). Nell’89 disegna la prima collezione prêt-à-porter di Charles Jourdan, a Parigi.

Terminati gli studi, collabora con Yohji Yamamoto, French Connection e Marks & Spencer. Lancia il proprio marchio nel ’94 e dall’anno seguente partecipa regolarmente alla London Fashion Week. Nel ’97 disegna le tute per le squadre remiere di “Oxford” e Cambridge. Nel ’98 crea la prima collezione per il catalogo americano Spiegel. Tipici del suo stile sartoriale gli abiti molto femminili realizzati con i classicissimi cotoni per camicia.

La svolta nella carriera

Dopo oltre 10 anni di sfilate ufficiali della London Fashion Week, sponsor e collaborazioni a Londra, Parigi, Firenze e Milano; Justin ha preso una nuova direzione, emergendo con una gamma di accessori colorata e giocosa; che vanno dai portafogli alle borse.

Il suo attuale lavoro nasce dall’attrazione per la qualità intrinseca delle attività all’aperto molto britanniche come gli sport equestri, la vela, la pesca e la caccia, nonché dall’amore per la semplice maestria del movimento Arts & Craft. I dettagli includono cinghie di imbracatura e morsi di cavallo: rivetti, anelli a D fusi, ganci a grilletto; rendendo le maniglie e la costruzione forti e durevoli con una bellezza inerente a quei design classici. Justin non ha mai pensato alle tendenze della moda, ma allo stile senza tempo, all’artigianato e all’utilità, all’attenzione ai dettagli e alle rifiniture, che si tratti di lusso o della quotidianità e della reinvenzione della tradizione.

Dal punto di vista materiale, Justin ha sempre avuto un’ossessione per il cotone umile e onesto, che ora usa sotto forma di tela cerata per le sue borse e borse. Sfrutta anche il cotone per le sue qualità biodegradabili nella sua crociata personale contro i portafogli da viaggio in plastica e la plastica di per sé, dando vita ai suoi ormai iconici portafogli da viaggio in tessuto. C’è anche molto uso della pelle (sia naturale che tinta) con la tela, risultando in un aspetto più contemporaneo a quello che altrimenti sarebbe un oggetto molto tradizionale.

Justin attualmente fa tutto da solo nel suo laboratorio alla Cockpit Arts di Holborn, Londra; c’è un lucernario e una piccola finestra; con una base di fan in crescita, sia a livello locale che internazionale e coloro che semplicemente ricordavano l’estetica unica di Justin

Leggi anche:

Paul Smith

Muir Jean

La stilista inglese Margaret Howell apre la sua prima boutique italiana