Donna

Mensile femminile fondato nel 1980 a Milano da Flavio Lucchini e Gisella Borioli, sua moglie, che a lungo ricoprono rispettivamente le cariche di editore delegato e direttore. Nato sull’onda del made in Italy, l’originalità di Donna è quella di contrastare i periodici femminili tradizionali, proponendo un’immagine della moda come fenomeno sociale, assimilabile al design industriale. Lancia grandi fotografi italiani come Ferri, Toscani e Gastel. Promuove diversi fenomeni di moda, scopre lo stilismo giapponese e nuovi talenti italiani, tra cui Dolce & Gabbana. Il modello femminile proposto fa da battistrada a un tipo di donna più legato alla realtà della vita quotidiana e meno alle immagini di bellezza ed eleganza delle riviste patinate. Nel ’98 il gruppo Rusconi rilancia il mensile affidandone il progetto grafico al primo art director, Gianni Brancaccio, la direzione editoriale a Vera Montanari e la direzione giornalistica a Marina Fausti. Nel ’99, il gruppo Rusconi è stato acquistato da Hachette. La direzione è passata a Daria Bignardi. (Stefano Grassi) &Quad;Nel gennaio 2005 la rivista chiude definitivamente.