Jeremy Scott
Brand e Fashion designer,  S

Scott, Jeremy

Jeremy Scott, fashion designer americano nato nel 1974 a Kansas City, nel Missouri.

Frequenta il Pratt Institute di New York, scuola di arte e design della grande mela, e si diploma con ottimi voti. La passione per la moda che coltiva sin da ragazzino, leggendo l’edizione italiana di Vogue e scrivendo brevi saggi sulla moda in francese, lo spinge quasi ventiduenne a lanciarsi nel fashion system.

E’ l’ottobre del 1997 quando Jeremy fa il suo esordio durante la settimana della moda parigina. Presenta una collezione intitolata Rich White Women, composta da camici da dottore bianchi, pantaloni dal taglio asimmetrico e T-shirt multifunzione. L’esordio spumeggiante non è che il primo passo verso un’ascesa inarrestabile per il giovane Scott. In breve tempo diventa uno dei designer più amati e apprezzati sia dalla stampa, sia dai consumatori, sia dalle innumerevoli celebrità  che scelgono i suoi capi per le apparizioni in pubblico.

Scott

Volti noti dal calibro di Madonna, Lady Gaga, Christina Aguilera, Bjork, Beyonce, Rihanna, Uffie, M.I.A., Santigold, Beth Ditto, Kylie Minogue, Ciara, Lindsay Lohan, Gwen Stefani Kanye West, Katy Perry, Justin Timberlake, Paris Hilton, Victoria Beckham, Lindsay Lohan, Agyness Deyn e Britney Spears, per la quale ha curato i costumi del videoclip Toxic del 2003, sono state immortalate su tabloid e riviste mentre indossavano pezzi delle stravaganti collezioni di Scott.

Il suo stile eccentrico

La sua moda, sfacciata ed irriverente, divertente e maliziosa, prende ispirazione dalla Pop Art , dai colorati anni Ottanta e dai volumi degli anni Novanta. I frequenti riferimenti all’arte di Keith Haring lo portano a collaborare con la Keith Haring Foundation per un progetto con Adidas. Dopo diversi anni di sfilate a Parigi, Scott decide di spostarsi a New York per la collezione Autunno Inverno 2002.

Le collaborazioni di Jeremy Scott

Sono questi gli anni in cui iniziano le partnership con diversi brand e case di moda. Una primissima collaborazione avvenne agli esordi, tra il ’97 e il ’98 con Swarovski e un’altra nello stesso periodo con Christian Louboutin. Qualche anno più tardi, tra il 1999 e il 2000, Scott collabora con il ‘cappellaio’ più prestigioso del mondo della moda Stephen Jones.

Nell’autunno del 2005 con Linda Farrow per una linea di occhiali, collaborazione che permane fino al 2011 quando la pop star Lady Gaga, nel video Telephone, indossa il celebre occhiale Jeremy Scott Mickey. Nel 2005 Jeremy Scott firma una linea per Happy Valley di New York e nella primavera del 2006 collabora con Longchamp producendo una edizione limitata della famosa borsa da viaggio.

Ma siamo nel 2003 quando Jeremy Scott viene ingaggiato da Adidas per alcuni progetti e collaborazioni. Nessuno si poteva immaginare un successo di così grande portata in conseguenza alla collaborazione tra i due. Le edizioni speciali create per il brand Adidas Original dal designer sono attese con impazienza dalla stampa e dai fans sparsi in tutto il mondo. Capi cult come le ‘winged sneakers’ con ali applicate, le ‘flame sneakers’ e le ‘Teddy Bear sneakers’ che hanno un orsetto di peluche come linguetta, o le tute con decorazioni pop, sono diventati pezzi da collezione per gli appassionati del genere.

Jeremy Scott X Adidas

Del 2011 è la collaborazione di Jeremy Scott con l’azienda svizzera di orologi Swatch. Il designer ha creato tre modelli raffiguranti i tre elementi che più spesso ricorrono nella sua iconografia. ‘Opulence’ un orologio nero con il quadrante incorniciato, ‘Lighting’ con il cinturino dell’orologio a forma di saetta e l’immancabile ‘Winged’ orologio bianco con le famose ali. Jeremy Scott dà un nome ad ogni collezione che propone, come un artista spesso fa con le proprie opere, da Boudoir Bombshell a Hanger Appeal, da Opulence a Men at Work.

Leggi anche:

Moschino

La space age della collezione creata da Jeremy Scott