Brand e Fashion designer,  P

Pellini

 Pellini, storico marchio milanese di bijoux

Tra le vie strette e tortuose circondate da palazzi nobiliari del centro storico di Milano, Donatella Pellini, terza generazione di donne, continua l’attività avviata dalla nonna Emma e proseguita con la madre Carla.

L’atelier di Emma Caimi Pellini nasce nel 1947. Studi all’Accademia di Belle Arti di Brera, crea bijoux in vetro veneziano per l’alta moda francese e italiana. Poi, nel 1950 partecipa alla Triennale di Milano vincendo il II° e il III° premio all’esposizione “Imitazione del gioiello”. Nel 1951 viene invitata ad esporre le sue creazioni a New York da Saks Fifth Avenue.

Nel 1964 la figlia Carla continua l’attività e sposta la sede in via Morigi, all’interno del Palazzo Belgiojoso, aprendo il primo negozio Pellini in quelle che furono le scuderie del palazzo e trasformando l’antico deposito delle carrozze nell’atelier.
I figli Donatella ed Ernesto nel 1972 entrano nell’attività di famiglia e la trasformano in impresa, dedicandosi rispettivamente all’aspetto creativo e amministrativo.

Donatella Pellini by Gastel
Donatella Pellini by Gastel

Nell’atelier di famiglia Donatella apprende l’arte del bijoux e la reinterpreta con una visione contemporanea.
Negli anni’80 inizia ad esporre collezioni di bijoux in plexiglass, pvc e rhodoid da Bergdorf Goodman e Saks Fifth Avenue a New York, da Neiman Marcus a Dallas e Los Angeles. Negli anni’90 collabora con stilisti italiani e francesi, da Thierry Mugler a Christian Lacroix, da Romeo Gigli a Fendi.

Donatella si fa conoscere per la sperimentazione sulla resina che è ancora oggi la caratteristica del marchio, tecnica moderna ma di tradizione artigianale. La resina diventa il veicolo attraverso il quale sperimentare, avvolgendo pigmenti, frammenti di pietre e di tessuti, sabbie, fotografie, carte dipinte, disegnate o stampate. Materiale povero ma di lavorazione preziosa, la resina è colata a mano pezzo per pezzo, per dar vita ad un bijoux romantico e decadente, moderno ed irripetibile, materico ma leggero come se fosse una scultura.

Dal 2000 ai giorni d’oggi

Dal 2000 affianca alle resine la collezione di pietre semi-preziose firmata Donatellapellini. Il fascino delle pietre, accostate in modo originale e personale a resine, cristalli e pasta di vetro, evoca un universo fatto di colore e armonia e porta risultati sorprendenti.
Tutti i bijoux sono realizzati a mano nel laboratorio di Milano da abili artigiani che lavorano da anni con la famiglia Pellini. La dimensione aziendale è stata mantenuta volutamente piccola ed indipendente. Ed ha consentito di proteggerne la storia e la natura nel tempo. Per Donatella “essere artigiani oggi significa saper fare con mani, con passione, pazienza e amore”.

I bijoux Pellini si trovano a Milano nei negozi di via Morigi e Corso Magenta e anche in prestigiose boutiques nel mondo, da Tokyo a Melbourne a Londra.
Da visitare lo show-lab di via Morigi, trasformato in un luogo ricco di fascino che racchiude l’archivio dal 1950 ad oggi, dove Donatella presenta due collezioni all’anno ed ospita eventi speciali.

Leggi anche:

Bea Bongiasca

Gucci Vault: è il turno dei gioielli vintage

I gioielli di Gerardo Sacco una storia del made in Italy