Lepape

Georges (1887-1971). Illustratore francese. Le sue donne si sono buttate alle spalle il decadentismo, le svenevolezze del liberty, della Belle Époque e s’avviano al tipo femme-garµonne. Niente di fatale e molto di sbarazzino. Nelle sue immagini bidimensionali, il colore è steso per campiture come nelle stampe orientali, da cui Lepape è affascinato. Realizza nel 1911 il catalogo Le choses de Paul Poiret. In seguito lavorerà per Lanvin. Il suo tratto facilmente riconoscibile ha dominato per molti anni su numerose riviste: Gazette du Bon Ton, Fémina, Harper’s Bazaar, Modes et Manières d’Aujourd’hui, Vanity Fair, Vogue. Negli anni ’20 insegna a New York e diventa un maestro da imitare per i giovani illustratori. La sua ultima copertina è del ’38. Successivamente, si dedica alle illustrazioni di libri.