Papillon

La cravatta, secondo alcuni, più elegante e, secondo tutti, più difficile da annodare. Se la si vuol portare, meglio imparare a fare il nodo piuttosto che acquistarla già confezionata. Nasce nel 1894 e deriva il nome dalla forma del modello che ricorda le due ali della farfalla, papillon in francese. La stessa denominazione designa, già a partire dal 1829, il piccolo nodo a due cocche utilizzato come bottone per le maniche corte dei vestiti da donna. Nell’abbigliamento maschile è il normale complemento agli abiti da sera: bianco per il frac e nero per lo smoking. Colorato o con disegni fantasia può essere usato anche di giorno. Lo faceva anche Winston Churchill. Meglio però se a indossarlo sono gli esponenti di certe professioni come gli architetti o i docenti universitari. Esiste anche una farfalla alla Lipton dal nome del commerciante di tè.