Malerba

Industria italiana di calze. Fondata nel 1926 dalla famiglia Malerba, originaria di Castiglione delle Stiviere, produce per l’uomo, il bambino e la donna. Ha due stabilimenti (Varese e Castelnuovo Valsugana) e, a Galliate Lombardo, un magazzino di raccolta e smistamento dei prodotti finiti. Ha una forte presenza sui mercati tedesco e spagnolo. Sul finire degli anni ’90, ha raggiunto un accordo con la Walt Disney per la produzione di calze ispirate, nei disegni, ai personaggi di Topolino e di Paperino. Il Gruppo Malerba ha acquisito Brigatti, storico marchio milanese di abbigliamento e accessori e punta al suo rilancio dall’estate 2003. Guido Scalfi, presidente e azionista di maggioranza (al 51 per cento, mentre il resto appartiene alla famiglia Malerba) spiega che l’obiettivo è recuperare la tradizione Brigatti. Uno dei punti fondamentali del rilancio è la distribuzione, basata su un numero selezionato di punti vendita ma anche con negozi monomarca. Obiettivo di fatturato per quanto riguarda Brigatti nel triennio 2002-2005 è superare 7 milioni e mezzo di euro (un terzo in Italia e il resto all’estero, soprattutto Far East e Usa). Il giro d’affari del Gruppo Malerba si è chiuso nel 2001 con circa 50 milioni di euro (50 per cento realizzati in Italia e 50 attraverso l’export). Al Gruppo fanno capo, oltre a Brigatti, le calze e l’underwear Malerba e la licenza Verri Sport uomo. È finita invece la partnership con Missoni Sport. Dopo aver iniziato il nuovo ciclo di sviluppo nel 2001 e aver raggiunto l’utile (un milione di euro su 40 milioni di fatturato) nel 2002, Malerba punta all’ampliamento dei negozi monomarca. Ai cinque già esistenti in Italia e a quello di Barcellona, si è aggiunto il negozio di Galliate Lombardo (Va). Il totale del retail attuale è di 2 mila punti vendita al dettaglio, 1.500 corner in grandi magazzini per quanto riguarda l’Italia, cui si aggiungono 6 mila punti vendita in Europa.