Livoli

Lea (1912-1987). Creatrice di moda e modista. Inizia la carriera a Firenze, sua città natale, con una scuola di ricami diretta dalla madre, realizzando corredi per la casa e biancheria personale. Sposa Renato Livoli e, dopo l’ultima guerra, apre a Milano un atelier di pellicceria in via Castel Morrone e successivamente in viale Piave. Trasferitasi in via Montenapoleone 14, espone le creazioni d’alta moda in maglia di Mirsa e Naka, nel negozio sottostante l’atelier al primo piano. Negli anni ’60, firma una collezione di moda pronta, profumi, calze e foulard. Negli anni ’70, trasferisce il suo atelier, celebre per gli abiti da sposa, in via del Gesù 4 ed è presente alle sfilate di Roma e Firenze con collezioni di abiti e cappelli. Nel ’74, Gheddafi le ordina una linea in esclusiva. Dal ’78 le subentra la figlia Giulia che continua l’attività fino al 1993.