Corona

Vittorio (1901). Artista italiano. Sull’esempio della Casa d’Arte Depero di Rovereto, apre con la moglie Gigia una Casa d’Arte a Palermo. È la metà degli anni ’20 e Corona, vicino al Secondo Futurismo, si dedica alla progettazione e realizzazione di arazzi, stoffe e cuscini. Resta, nella collezione romana La Rosa, un ombrello dipinto con motivi che risentono del naturalismo déco e del dinamismo futurista.