Brand e Fashion designer,  P

Pirelli

Pirelli. Il binomio Pirelli-abbigliamento nasce nel 1877, quando nel complesso fondato da G.B. Pirelli per la lavorazione di gomma e caucciù entra il socio Francesco Casassa. Prende il via la produzione di articoli sanitari e per merceria: soprabiti, mantelle, paletot per viaggiatori, cocchieri e militari. Capi tecnici, affidabili, ben progettati e realizzati.

Nel tempo, il marchio Pirelli acquista un’aura sempre più glamour; prima col famoso calendario, e in anni più recenti con una strategia di comunicazione che coinvolge grandi fotografi. Gioca le carte dell’ironia e del sex appeal (come l’immagine del velocista Carl Lewis in posizione di start e con tacchi a spillo, realizzata da Annie Leibovitz nel 1994).

Sul finire degli anni ’90 nasce così, per iniziativa di Carlo Corti Galeazzi, responsabile della comunicazione Pirelli, il progetto di creare una serie di capi di abbigliamento e di accessori non più solo tecnici. Questi sono contraddistinti da un forte richiamo al mondo Pirelli (il battistrada come spunto grafico, la gomma come materiale leitmotiv) e un alto contenuto di design.

Gli anni 2000

Nel gennaio del 2002, vengono presentate le prime linee con il marchio P Zero; capispalla e calzature (per uomo e donna) mentre nel febbraio 2003 nasce la linea di orologi.
È il 2005 quando viene firmato un accordo in licenza con Tecnorib per la produzione dei gommoni; celebrando dopo 10 luminosi lustri l’antica produzione di gommoni gommati. Nel 1955 nasceva, infatti, il Nautilus: il primo battello pneumatico. Il primo gommone P Zero è stato varato nelle acque di Portofino nel maggio 2006.

Nel 2008 invece, grazie ad un accordo con Head, sono stati presentati gli sci Winter SottoZero che prendono nome dall’omonimo pneumatico. Altamente tecnologici, prodotti in soli 200 esemplari numerati e venduti nei negozi specializzati delle stazioni invernali più esclusive.

Una giacca sportiva Pirelli


2011. Apre il flagship store a Milano in Corso Venezia, 1500 mq e un concept ideato da un team di designer interni. Forti saranno i richiami al mondo degli pneumatici e del design industriale che sottolineano il DNA e la forte identità del marchio.

Leggi anche

Colmar

Inter, Pirelli non sarà più il Main sponsor

Pirelli hangar Bicocca scopre una nuova forma digitale