Rivella

Pellicceria torinese. Famosa negli anni ’50 e ’60. La fondò Francesco Rivella che era proprietario del Casinò di Saint Vincent e le affiancò una conceria, il che gli permise di innovare profondamente la pelliccia e di dare un grosso contenuto moda ai propri modelli. Sfilava al Samia, salone mercato della confezione a Torino. Fu il primo a tingere le pelli di castoro nei colori che erano allora di tendenza. Fu il primo anche a usare massicciamente l’arma della pubblicità, imponendo questa strategia ai concorrenti. Diede così un forte impulso al settore. Alla sua morte, i dipendenti portarono avanti la ditta, ma per poco.