Kiton

Sartoria industriale. Fondata nel 1968 ad Arzano, in provincia di Napoli, da Ciro Paone e Antonio Carola, conta attualmente 250 sarti. La preziosità dei tessuti impiegati e la realizzazione artigianale dell’abito limitano la produzione annua a poche migliaia di capi. L’artigiano non opera più nella propria bottega, ma in una struttura all’avanguardia, nella quale l’abilità e l’esperienza personale si fondono nella sinergia di gruppo, dando vita a un abito rigorosamente realizzato a mano, degno della migliore scuola sartoriale napoletana e sempre fedele ai dettami dell’eleganza tradizionale, ispirata alle linee classiche. Grande cura viene dedicata anche alla cravatta. Così da uno square di seta si ricavano due sole cravatte, con un sistema di ripiegatura su se stesso ripreso dall’antica tradizione dei maestri cravattai napoletani. Un piccolo orlo rigorosamente fatto a mano rifinisce la cravatta che trova in tal modo corpo e consistenza. Al capospalla di scuola sartoriale napoletana vengono accostati solo microdisegni geometrici o fondi uniti per esaltare lo stile della tradizione classica. Kiton distribuisce i propri prodotti nei più prestigiosi magazzini di abbigliamento del mondo. La Kiton si aggiudica a un’asta di Sotheby’s la collezione di abiti del Duca di Windsor. Il guardaroba viene esposto all’Hotel Excelsior di Firenze, in occasione di Pitti Uomo. &Quad;1999. Il presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi nomina il patron Ciro Paone Cavaliere del Lavoro. &Quad;2000. Lancio della linea sportiva Kiton Outdoor; inaugurazione del secondo stabilimento di Arzano e della sede milanese di via Sant’Andrea. &Quad;2003. L’azienda impiega più di 300 lavoratori e i suoi abiti sono distribuiti in tutta Italia e in 21 paesi del mondo, con punti vendita in dieci città del Giappone, in due città russe (Mosca e Cellabinsk), in Messico, Siria e Israele.