Jesurum

Firma storica del merletto e insegna di un secolare negozio a Venezia. Se Michelangelo Jesurum non avesse fondato, nel 1868, una scuola per garantirsi la mano d’opera necessaria al commercio che aveva in animo di attuare e che iniziò nel 1870, il mestiere del merletto sarebbe finito. Nell’800, la tradizione veneziana e buranella, che a partire dal ‘500 aveva conquistato l’Europa e da cui erano nate tutte le grandi scuole di Francia e delle Fiandre, era decaduta al punto da essere quasi dimenticata. Fu “Jesurum” a rintracciare le ultime depositarie di quest’arte perché la insegnassero. Fu sufficiente questa iniziativa, perché la qualità della produzione risorgesse: nel 1878, le tovaglie, le lenzuola, gli scialli, i veli da sposa firmati Jesurum vinsero la medaglia d’oro dell’Expo Universale di Parigi. A Jesurum, Margherita, la regina d’Italia, la moglie di Umberto I, commissionò una tovaglia, tutta in punto Venezia, per cui occorsero dieci anni di lavoro. Ne furono eseguiti due esemplari: uno, su richiesta, si può ammirare nello show room di Venezia. Negli anni ’20, l’azienda fu ceduta alla famiglia Levi Morenos.