Linea Italiana

Rivista di moda. Il primo numero, datato primavera-estate 1965, è pubblicato dall’editrice Aracne di Milano. Ha periodicità semestrale e il direttore è Marzio Simonetto. Con il numero 8, anno terzo (primavera-estate ’68), passa alla Arnoldo Mondadori Editore e diventa trimestrale, con la direzione di Anna Vanner. Nella primavera del ’72, direttore Fabrizio Pasquero, si trasforma in bimestrale e, un anno dopo, in mensile. È, in quegli anni, l’organo ufficiale della moda italiana. Le difficoltà dell’editoria femminile, create dal lancio di altre riviste anche nell’ambito della stessa Mondadori, ne determina la chiusura alla fine dell’85. La rivista ha contribuito a documentare con una precisa cronaca fotografica la moda italiana in un periodo d’importanza storica per lo sviluppo del made in Italy e della sua identità.