Caraco

Termine francese che appare nell’VIII secolo riferito al costume di una provincia della Francia. La camicia, abbottonata sul davanti, era chiamata anche “robe à la Suzanne” e la portavano le contadine. Alla fine del ‘700 il caraco fu indossato anche in città, lanciato dal duca di Aguillon che l’aveva scoperto a Nantes: divenne indumento dell’aristocrazia, usato per i viaggi, per cavalcare o come négligé. Oggi indica una casacca un po’ folk, a maniche lunghe, spesso scollata e abbottonata davanti con lacci o ganci, morbida e fluttuante, con falde o baschina dalla vita ai fianchi.