vitale barberis canonico
Aziende e imprenditori,  V

Vitale Barberis Canonico

Vitale Barberis Canonico è un’azienda di tessuti da uomo

Vitale Barberis Canonico è un’azienda di tessuti da uomo in lana, mohair, cachemire. È stata fondata a Prativero di Biella nel 1936 e fa ancora capo alla stessa famiglia.

vitale barberis canonico
Fabbrica Canonico

La storia della Vitale Barberis Canonico

La storia dell’azienda nasce nel 1663, con un documento che attesta la cessione cessione al Duca di Savoia di una “saia grisa” da parte di Ajmo Barbero. Lo stesso indica l’attività laniera e la padronanza del processo di tintura dell’azienda.

vitale barberis canonico
Un tessuto realizzato dall’azienda

Nel 1970 a Vitale succedono i figli Alberto e Luciano, che trasformano l’Azienda in una società per azioni. Alberto si dedica allo sviluppo del settore tecnico e tecnologico, mentre Luciano si concentra sull’export e, accrescendo il prestigio del lanificio anche all’estero, ne fa uno dei punti di forza dell’azienda.

Il fatturato che nel 1993 ammontava a 72 miliardi di lire ha raggiunto, nel 1998, i 111 miliardi. Sono più di 4 milioni e mezzo i metri di tessuto prodotti, contro i 3 milioni e mezzo del 1993.

La nuova gestione della Vitale Barberis Canonico

La nuova generazione prende in mano la gestione dell’azienda, guidandola nel ventunesimo secolo: Alessandro, Francesco e Lucia sono oggi al timone di questo storico Lanificio. Nel 2013 ricorre il 350° anniversario di attività laniera e il Lanificio diventa membro di Les Hénokiens, l’associazione internazionale riservata alle aziende famigliari con almeno duecento anni di storia.

Vitale Barberis Canonico
Alessandro, Francesco e Lucia

Proseguendo un percorso tracciato già agli inizi degli Anni 80, nel 2019 le iniziative virtuose del lanificio sono state numerose. Di particolare importanza il raggiungimento dell’obiettivo prefissato a fine 2018 sull’adozione di un Sistema di Gestione Integrato Qsa (Qualità, Sicurezza, Ambiente) volontario, formale e certificato da terza parte.

Sempre nel 2019 è stata lanciata la prima linea di tessuti sostenibili Hope, acronimo di How to Optimise People and Environment, che certifica il lavoro dell’azienda nel prendersi cura dell’uomo e della natura. La collezione è la dimostrazione che si possono creare stoffe con tinture naturali o materiali riciclati senza rinunciare alla qualità.

 

Leggi anche:

Oreste Boggio Casero

Mib-Manifattura Italiana del Brembo

STORIA DI MISSONI: L’AMORE DI ROSITA E OTTAVIO PER LA MAGLIERIA