giorgio vigna
Artisti,  V

Vigna, Giorgio

Giorgio Vigna (1955): Scultore, creatore di oggetti di design, scenografo, costumista, autore di ornamenti per la scena e per la moda

Vigna Giorgio (1955) è uno scultore, creatore di oggetti di design, scenografo, costumista, autore di ornamenti per la scena e per la moda, ha al suo attivo una ricca produzione di gioielli talvolta concepiti come pezzo unico, talvolta realizzati in serie limitata. È nato a Verona.  nel 1986 impara la tecnica dell’incisione presso l’Istituto nazionale di grafica CalcoGRAFICA, a Roma. Ha legato la sua fama al vetro, da lui “declinato” in molteplici forme espressive. Docente all’Istituto Europeo di Design, ha tratto spesso ispirazione dal mondo naturale, geologico e minerale modellando in forme plastiche vetro e resine cui il metallo accostato con funzione puramente strutturale.

Nel 1997, Vigna invitato dal Centro internazionale di ricerca del vetro a Nuutajärvi, Finlandia,

Nel 1997, Vigna  invitato dal Centro internazionale di ricerca del vetro a Nuutajärvi, Finlandia, a tenere un workshop sulla creazione di gioielli in vetro. In questo periodo viene introdotto nella compagnia finlandese Iittala, per la quale disegnerà la collezione Birds (2007), la serie di arredamento Piilo (2010), e la prima collezione di gioielli della manifattura, Piilo Amulet (2010). In altri casi, invece, ha utilizzato l’oro come materia a sé, ricca di valenze simboliche. Nel ’99 ha creato gioielli scultura in vetro di Murano dedicati ai quattro elementi: Acqua, Terra, Fuoco, Aria. Ha realizzato vasi — Sasso, Fonte, Stilla, Fuochi d’acqua — e ornamenti — i Talismani — per Venini, di cui dal 2003 è direttore artistico per il Progetto Gioielli.

Riveste lo stesso incarico anche per il Gruppo Italian Luxury Industrie

Riveste lo stesso incarico anche per il Gruppo Italian Luxury Industrie che fa sempre capo all’azienda muranese. Le sue opere esposte in permanenza presso lo studio Giorgio Vigna a Milano, la Galerie Naila de Mombrison a Parigi e lo Studio Miscetti a Roma. Nel 2003, sue mostre personali si sono tenute al Museo Correr di Venezia e al Museo Villa Pignatelli di Napoli.

I suoi design sono inoltre inclusi nelle collezioni permanenti di vari famosi musei, come il Museum of Arts & Design di New York, l’Indianapolis Museum of Art, il Museo degli Argenti di Firenze, ed il Museo Internazionale delle Arti Applicate Oggi di Torino, tra gli altri.

Leggi anche:

Dufy, Raoul

Belle epoque: la donna e moda nell’arte a Rancate

Inez Van Lamsweerde e Vinoodh Matadin