vestiaire collective
Negozi e E-commerce,  V

Vestiaire Collective

Vestiaire Collective è il sito di shopping online francese rivenditore di abiti di lusso di seconda mano, fondato in Francia nel 2009.

La mission di Vestiaire Collective

Vestiaire Collective è nato nel 2009 dagli imprenditori Alexandre Cognard, Sébastien Fabre, Sophie Hersan, Fanny Moizant, Henrique Fernandes e Christian Jorge. Inizialmente, il sito porta il nome Vestiaire de Copines, modificato in quello attuale a partire dal 2012.

La mission del sito è quella di offrire ai clienti una piattaforma in cui poter acquistare e vendere articoli di lusso di qualità in tutta sicurezza. Infatti, il 100% degli articoli venduti è sottoposto a un’attenta analisi di qualità da un team di esperti. Ogni settimana, si aggiungono circa 30.000 articoli che si aggiungono al catalogo permanente che conta circa 600.000 di pezzi.

Tra i pezzi venduti si distinguono i capi delle più celebri case di moda internazionali, tra cui Hermès, Dior, Gucci, Saint Laurent e molte altre.

Il sito conta ad oggi circa 8 milioni di membri, con un aumento mensile di circa 100.000 nuovi iscritti.

vestiaire collective
Vestiaire Collective

Gli investitori

Tra gli investitori del marchio, spiccano Balderton Capital, Ventech, primo investitore dal 2010, Condé Nast International, Eurazeo, Idinvest e Vitruvian.

Nel marzo 2021, Kering e il fondo americano Tiger Global Management entrano in Vestiaire Collective con il 5%, simbolo di un interesse sempre più crescente nel settore del second-hand e della moda circolare.

I primi negozi fisici

Il 30 ottobre 2019, il marchio apre il primo spazio vendita nel department store di Selfridges, a Londra. Lo spazio ospita all’inizio circa 200 prodotti tra cui 10 pezzi vintage, distinti con la targhetta “pre-loved”. Il negozio è adibito anche alla vendita da parte dei clienti. Secondo quanto ha riportato il CEO Maximilian Bittner l’obiettivo non è l’apertura di più negozi fisici, quanto piuttosto quello di educare il consumatore all’economia circolare favorendo i prodotti di seconda mano. Tale progetto, si è esteso anche a Bologna, Merci a Parigi.

Le collaborazioni

Nel 2020, il marchio ha collaborato con Kate Moss, Anna dello Russo, Margherita Missoni e altri rappresentanti del mondo della moda per una charity sale contro il COVID-19. Il 100% ricavato dalle vendite dei loro capi donati al marchio è stato devoluto all’Organizzazione mondiale della sanità, alla raccolta fondi della Regione Lombardia. Il ricavato è andato anche alla Fondazione degli ospedali di Parigi e alla Paz di Madrid.

Leggi anche

Negozi vintage di Milano: i 5 imperdibili

Concept store Milano: i 5 imperdibili