annemie-verbeke
Brand e Fashion designer,  V

Verbeke, Annemie

Annemie Verbeke, stilista belga della raffinatezza

Annemie Verbeke è una stilista belga di Ypres. Sorella dell’ex avvocato d’affari e regista Louis Verbeke, ha studiato al collegio d’arte Sint-Lukas di Bruxelles e arte grafica all’Accademia di Gand. Dopo un corso di maglieria industriale in Svizzera, ha iniziato i suoi primi passi nel settore della moda alla fine degli anni ’70, anche come stilista per i produttori di maglieria.

verbeke-annemie-foto
Annemie Verbeke

Verbeke e i “6 di Anversa”

Si è guadagnata il rispetto come designer con il suo negozio e collezioni invariabilmente raffinate con grande attenzione ai materiali utilizzati. Ciò le è valso un certo numero di clienti fedeli. Ma non è mai stata in grado, come “i Sei di Anversa” (tra cui Dries Van Noten), di forzare la grande svolta globale.

“A differenza dei Sei, non avevo nessuno con cui misurarmi. Potevo solo cercare di superare me stessa”

runway-annemie-verbeke
Sfilata Verbeke

Nel 1987 Annemie Verbeke ha creato una propria collezione di capi in maglia molto semplice e classica, ma con particolari estrosi e originali. Diventa poi consigliere dell’Association professionelle des producteurs belges de tricots, per cui disegna le tendenze.

Ma già nel 1989 è stata costretta a chiudere il suo marchio e ha lavorato per dieci anni per marchi come Natan, Chamail e Manoukian. Intorno al 1998, il virus imprenditoriale ha iniziato a prurito di nuovo e lei ha ricominciato con il proprio marchio.

verbeke-outfit
Verbeke 2018

La chiusura definitiva

Dopo aver disegnato e venduto quaranta collezioni, due collezioni ciascuna per vent’anni, nel 2019 Verbeke ritiene che i tempi siano maturi per tracciare una linea sotto di essa. La stilista belga decidere di interrompere la sua attività come designer e di chiudere il suo negozio a Bruxelles.

Verbeke vuole concentrarsi solo sulla creatività e si limiterà commercialmente a progetti occasionali, tra cui eventualmente negozi pop-up. Vuole anche organizzare workshop per trasmettere le sue conoscenze alle giovani generazioni. I fan dovranno accontentarsi delle vendite di stock.

Annemie Verbeke

La chiusura del negozio è un nuovo salasso per il quartiere di Dansaert, dove le boutique di moda indipendenti vengono strappate via dai principali attori internazionali. Verbeke sottolinea gli alti costi salariali nel paese, il che rende impossibile per i progettisti di partenza assumere un venditore di negozi, anche a metà tempo.

 

Leggi anche:

La Missoni SS20 sfila in un’allegria contagiosa

Simon Cracker

Sostenibilità e nuovi talenti: Carlo Capasa in esclusiva sulla MFW