Vaccarello
Brand e Fashion designer,  V

Vaccarello, Anthony

Vaccarello, Anthony (1982) è un designer belga di origini italiane.

Nasce a Bruxelles il 18 gennaio 1982. Nel 2006 si diploma a La Cambre di Bruxelles vincendo il prestigioso premio L’Oréal, al festival internazionale di Hyères, uno dei più importanti riconoscimenti della moda in Francia. Viene immediatamente ingaggiato da Fendi come designer per la divisione pellicce, collaborando a stretto contatto con il grande Karl Lagerfeld. Dopo due anni da Fendi, nel 2009, torna a Parigi per amore del suo fidanzato Arnaud Michaux, che vive a Parigi e lavora per Lanvin. Sarà Michaux a spingerlo a lanciare la sua etichetta. Lo stile delle sue collezioni si muove con disinvoltura tra sensualità e minimalismo proponendo abiti destrutturati, puri, dal risultato fortemente moderno e glamour. Nel giugno 2011 vince l’importante premio ANDAM, conferitogli dall’associazione per lo sviluppo delle arti della moda e il supporto dei giovani designer.

Durante il settembre 2014, Vaccarello ha iniziato a creare capsule collections per Versus Versace, il marchio sorella del brand. Nel gennaio 2015 lo stilista diventa Direttore Creativo di Versus e le vendite del marchio più che raddoppiano rispetto all’anno precedente, con un aumento degli introiti del 21,4%.

La collaborazione con Yves Saint Laurent

Poi, ad aprile 2016, la maison francese Yves Saint Laurent annuncia che Vaccarello sarebbe diventato il direttore creativo. Lo stilista prende il posto di Hedi Slimane. Inoltre mette in pausa la produzione della sua etichetta. Yves Saint Laurent diventa il suo unico obiettivo.

Il suo ruolo da Yves Saint Laurent copre sia la linea di abbigliamento maschile che femminile. Lo stilista ha riportato lo stile di Los Angeles della Slimane all’estetica chic di Parigi. Giocando con la filosofia originale del brand parigino, lo stilista ha creato la sua versione della donna Saint Laurent e l’abbigliamento maschile ha visto crescere le vendite con doppia cifra nel quadrimestre successivo al suo insediamento.

Le collezioni di Anthony Vaccarello sono un sofisticato tributo a Parigi, all’atelier e al know-how del marchio, il tutto rivisto in chiave moderna. 

La collezione Spring 2017 ready-to-wear

Anthony Vaccarello decide di presentare il suo primo show per Saint Laurent in un vecchio monastero. Questo si trova nel centro di Parigi e oggi è sotto lavori di ristrutturazione per diventare il nuovo quartier generale della maison parigina. 

La collezione Fall/Winter 2019

Lo stilista reinterpreta le silhouette più emblematiche del marchio. Principalmente utilizza uno stile sartoriale molto focalizzato sulle spalle, dalla collezione del 1971 “Scandal”. Per il finale della sfilata le modelle sfilano attraverso un set di specchi caleidoscopici, vestiti in look che brillano al buio grazie alle luci ultraviolette che rivelano l’aspetto contemporaneo e naturale dell’anima di Saint Laurent.

La collezione Summer 2020

Con questa collezione lo stilista immagina lo spirito della Rive Gauche. Rende omaggio a tutti i momenti iconici della maison e alle sue creazioni leggendarie. Dagli smoking sartoriali maschili per le donne ai look più hippie, che Vaccarello riorganizza, rielabora e ripropone sistematicamente per una generazione di discepoli.

Vaccarello
Kaia Gerber per Anthony Vaccarello per YSL PFW SS20.

La collezione Spring Summer 2021

L’ultima collezione di Saint Laurent è proposta grazie ai metodi innovativi sviluppatisi a causa del covid. Il messaggio che Vaccarello lancia al pubblico è “Wish you were here”, vorrei che foste qua. La collezione è quindi presentata con un film ipnotico della complice creativa di lunga data dello stilista, Nathalie Canguilhem.

Leggi anche

Saint Laurent SS21, Anthony Vaccarello torna all’origine di tutto

La moda è stanca del solito stilismo: Anthony Vaccarello in difficoltà con la Saint Laurent FW19