giorgio di sant'angelo
Brand e Fashion designer,  S

Sant’Angelo (di) Giorgio

Giorgio di Sant’Angelo era uno stilista italiano

Giorgio di Sant’Angelo (1933-1989) era figlio di Domingo Antonio Imperatrice e Leila Ratti, aveva un fratello minore, Hector Daniel Imperatrice. Più tardi dichiarò di essere nato nobile a Firenze, in Italia, figlio di un conte fiorentino. Si laureò in architettura presso l’Università degli Studi di Firenze, poi studiò design industriale e ceramica. Studiò anche con Picasso per sei mesi, come diritto acquisito per aver vinto un concorso internazionale di ceramica, sponsorizzato dal governo francese.

giorgio di sant'angelo
Un abito della collezione autunno inverno 1969

Giorgio di Sant’Angelo, Picasso incoraggiò il suo studente

Picasso incoraggiò il suo studente a “fidarsi della sua creatività irrequieta e continuare a provare nuove iniziative artistiche” e Sant’Angelo creò un cartone animato e lo presentò a Walt Disney. Impressionato dall’inventiva del film, la Disney lo portò a Hollywood e gli diede la possibilità di fare un apprendistato, ma incapace di parlare bene l’inglese, Sant’Angelo si perse nella vastità di Los Angeles e lasciò dopo 15 giorni.

Emigrato negli Stati Uniti nel ’62, inizia a disegnare tessuti e gioielli. Diana Vreeland, allora direttrice di Vogue, gli dà piena fiducia. Si è spesso ispirato ai vestiti etnici, alla moda hippie e a quella di strada. Catherine Murray di Montezemolo notò per prima i suoi gioielli e quindi Diana Vreeland, che iniziò a pubblicarli sulla rivista Vogue. Questo fece decollare la sua carriera.

La signora Vreeland aveva riconosciuto il talento

giorgio di sant'angelo
La modella Verushka avvolta nella pelliccia

La signora Vreeland aveva riconosciuto il talento mostrato da Sant’Angelo e lo assunse come stilista freelance. Fu da questa collaborazione che vennero realizzate alcune delle fotografie di moda più iconiche degli anni 1960: scatti come quello della modella Verushka avvolta in una pelliccia nel deserto, o un trucco floreale psichedelico intorno a uno degli occhi di Twiggy.

Leggi anche:

Etzdorf (von), Georgina

Klossowski de Rola, Harumi

TWIGGY: A LIFE IN PHOTOGRAPHS