Rifò
Brand e Fashion designer,  R

Rifò

  Rifò è un marchio italiano di moda sostenibile nato nel 2017 che crea capi di abbigliamento da tessuti riciclati

Un viaggio in Vietnam e la constatazione della sovrapproduzione nell’industria della moda, danno vita nel 2017 al progetto di Niccolò Cipriani, Rifò. Rifò nasce a Prato con una raccolta di crowdfunding da 11500 euro. Ad Aprile 2018 viene lanciata la campagna di crowdfunding sulla t-shirt 100% rigenerata: ne vengono vendute più di 300 in un mese. Il progetto piace e nel maggio 2018 entra nel programma di accelerazione per startup Hubble di Nana Bianca a Firenze, con il sostegno di Fondazione Ricerca e Sviluppo e Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze.

tessuti riciclati da Rifò
tessuti riciclati da Rifò

A luglio dello stesso anno viene ufficialmente fondata la Rifò S.r.l e inaugura il primo  negozio/ufficio “Agorà” a Prato. Basandosi sull’idea di riutilizzo e riciclo, il portfolio del marchio si amplia sempre di più con la creazione del primo maglioncino rigenerato dai jeans, con la “giacca Avanguardista” e il primo vestito in tessuto denim di Rifò.

maglione in denim riciclato
maglione in denim riciclato

Il nome del marchio è un’inflessione toscana del verbo “rifare”. Infatti, l’obiettivo di Rifò è quello di creare una linea di abbigliamento e di accessori di qualità interamente Made in Italy con fibre 100% rigenerate e rigenerabili.

I capi di abbigliamento di Rifò sono pensati in un’ottica sostenibile ed etica grazie alla produzione a chilometro zero, il riciclo dei tessuti e la giusta retribuzione salariale dei suoi dipendenti. Il marchio ha altresì avviato delle iniziative su tutto il territorio italiano di raccolta maglioni e jeans usati per essere poi riciclati. Dal 2021 è attivo il servizio di Re-Think your jeans, che permette di inserire i propri vecchi jeans nel processo di rigenerazione grazie alla collaborazione con negozi NaturaSì.

Leggi anche:

Zerobarracento: la storia del marchio nell’Enciclopedia della Moda

Come è cambiato il mondo della moda nel 2020

La corsa di Gucci verso una moda sostenibile