Patrick Van Ommeslaeghe
Brand e Fashion designer,  V

Van Ommeslaeghe, Patrick

Patrick Van Ommeslaeghe, stilista belga del monocromatismo

Patrick Van Ommeslaeghe  (1967) è uno stilista belga. È nato a Oudenaarde. Nel 1985, scopre la sua vera vocazione e passa dalla facoltà di medicina alla Royal Academy of Fine Arts di Anversa. Due anni dopo il diploma, si trasferisce a Parigi e lavora per Balenciaga, Gaultier e Adeline André. La sua prima collezione di abbigliamento femminile è stata presentata nel 1999. Ricchissima di citazioni e riferimenti culturali, come anche le successive. Immediatamente insignito del Premio Andam dal Ministero della Cultura francese.

Patrick Van Ommeslaeghe
Un abito creato dallo stilista

In totale, Van Ommeslaeghe ha realizzato quattro collezioni consecutive, ma nonostante il piccolo volume, le sue forme avvolgenti regolari e minimalizzate e le colorazioni monocromatiche si sono rivelate influenti e senza tempo, un aspetto che Linda Loppa ha approvato quando lo ha invitato a una sfilata retrospettiva durante il gala di apertura del Museo della Moda di Anversa (settembre 2002). Nel 2001 e nel 2002 Van Ommeslaeghe ha lavorato come assistente/consulente presso la casa di moda italiana Pucci. Dal luglio 2005, Van Ommeslaeghe è il destro di Raf Simons con Jil Sander.

patrick-van-ommeslaeghe-2001
Patrick Van Ommeslaeghe 2001

Nel 2016 il lavoro di Van Ommeslaeghe prende lo spazio del MOU Museum insieme ad altri designer del calibro di Cosco, Honoré D’O, Panamarenko e Matthieu Ronsse. La mostra esplora un percorso artistico di dieci artisti contemporanei, tutti legati a Oudenaarde e alle Ardenne fiamminghe, invitati dal curatore e artista visivo Johan Tahon.

patrick-van-ommeslaeghe-mou-museum
Mou Museum

 

Leggi anche:

Van Noten, Dries

Ona Selfa, José Enrique

LE TENDENZE MISTICHE DI ANN DEMEULEMEESTER