Noureddine Amir
N

Noureddine Amir

Noureddine Amir

Noureddine Amir nasce a Rabat. Ha studiato alla Esmod Casablanca (Scuola superiore di arti e tecniche della moda) dove si è diplomata nel 1996. Partì per lavorare a New York come costumista per la videomaker e fotografa iraniana Shirin Neshat per poi, nel 2001, tornare in Marocco. Infatti vive e lavora a Marrakech.

Noureddine

Pur nella fedeltà ai tessuti del proprio paese, alla tradizione del vestire marocchino, li ha profondamente innovati. Per il suo stile alcuni evocano Issey Miyake. Crea immensi mantelli a pipistrello in lana tessuta a mano e feltro, “haiks” in veli con intarsi di rafia, mantelli con impressi geroglifici tinti all’henné. Il Museo della Moda d’Anversa, inaugurato nel settembre del 2002, gli ha dedicato una grande mostra.

Nel 2014, Noureddine Amir ha esposto i suoi lavori all’Institut du Monde Arabe di Parigi. Fu durante questo evento che attirò l’attenzione di Pierre Bergé.

Riconosciuto per i suoi abiti, ha esposto al museo Yves Saint Laurent di Marrakech nel 2018. Lo stesso anno è stato invitato dalla Federazione francese della moda a presentare il suo lavoro durante una sfilata a Parigi nell’ambito della settimana della moda del Capitale francese. Divenne quindi il primo marocchino a presentare una sfilata di moda “Couture” al museo Institut du Monde Arabe, durante il calendario della settimana della moda di Parigi  come “membro ospite”. 
Amir

Leggi anche:

Fez

Alber Elbaz presenta Az Factory, il suo ritorno nella moda

Dior Cruise 2020 sfila in Marocco