kids of broken future
Brand e Fashion designer,  K

Kids of broken future

Kids of broken future è una start up di moda sostenibile fondata da Elbio Bonsaglio e Martha Sanchez a Milano

Elbio Bonsaglio e Marta Sanchez
Elbio Bonsaglio e Marta Sanchez

Kids of broken future, abbreviato KOBF, è un brand di moda fondato nel 2018 a Milano dalla coppia Elbio Bonsaglio e Martha Sanchez.

Le origini del brand

Il marchio nasce come una critica sociale al comportamento dell’uomo nei confronti dell’ambiente. Un approccio irriverente e rivoluzionario che vuole allontanarsi dal presente per rappresentare la società del futuro in cui i ragazzi vogliono differenziarsi dalle masse di adulti indifferenti al cambiamento. Infatti, il brand si rivolge soprattutto ai millennial e alla generazione Z.

Il nome del brand deriva dal titolo della tesi di laurea della co-fondatrice Martha Sanchez, laureata in Fashion Design alla Bau, il Centro Universitario di design di Barcellona.

L’espressione “Kids of broken future”, ovvero “I ragazzi dal futuro spezzato” allude ad un “futuro senza futuro”, un mondo senza speranza alle prese con siccità, inquinamento e riscaldamento globale. Un nome che, come ha dichiarato la stessa Sanchez, potrebbe non far pensare alla moda e nemmeno alle subculture urbane -come il punk– a cui il marchio pure s’ispira; piuttosto, ricorda i “bambini perduti” del Peter Pan di James Barrie.

fw21 campaign
fw21 campaign

KOBF si  pone quindi in controtendenza realizzando solo collezioni con rifiuti riciclati, come bottiglie in PET, plastica marina riconvertita e usa esclusivamente cotone biologico prodotto senza uso di pesticidi o prodotti chimici. Anche il processo di colorazione è sottoposto ad un rigido controllo: i coloranti utilizzati sono solo di origine naturali e rispettosi dell’ambiente.

Lo stile di Kids of broken future

Come riferimenti il brand guarda all’arte e alle subculture degli anni ’70, ’80 e ’90 e al mondo dello skate, del rap e del movimento punk e dello stile grunge. Propone un’estetica di rottura grazie anche alla numerose collaborazioni con artisti di tutto il mondo. Robert Yager, Rediet Lonfo e Nirvana Kamala sono solo alcuni degli artisti che hanno collaborato con il marchio condividendone i valori. Insieme hanno creato stampe apposte su giacche, t-shirt, gonne, pantaloni e accessori.

look KOBF in collaborazione con Robert Yager, 100% cotone biologico e stampa digitale eco friendly
look KOBF in collaborazione con Robert Yager, 100% cotone biologico e stampa digitale eco friendly

Inoltre, Kids of broken future propone capi “no gender” con l’esplicita volontà di mettere in discussione dogmi e pregiudizi della società.

Dal 2020, il marchio si è affidato a Flowe, società benefit del gruppo Mediolanum, nel percorso per diventare B corp e carbon neutral.

Leggi anche:

Giorgio Armani Charity: sostenibilità e solidarietà, tra senso civico e romanticismo

Sostenibilità e nuovi talenti: Carlo Capasa in esclusiva sulla MFW

Abiti in affitto e reselling per la ripartenza industria moda italiana?