H&M
Brand e Fashion designer,  H

H&M

H&M viene fondata nel 1947 dallo svedese Erling Persson, nasce con il nome di “Hennes” (per Lei) negozio specializzato in abbigliamento femminile che inizialmente si ispira alle grandi case Dior e Givenchy, come modello stilistico, e ai grandi magazzini americani come target di prezzo. Nel 1968, in seguito all’acquisizione del negozio di articoli da caccia “Mauritz Widforss”, Persson incorporerà nell’offerta anche una linea di abbigliamo maschile. Dalla combinazione dei due nomi nascerà la società Hennes & Mauritz, abbreviata poi nella odierna denominazione di H&M, dal 1974 quotata alla borsa di Stoccolma.

La crescita dell’azienda

Con la crescita dell’azienda verranno inaugurati negozi anche fuori dai confini della nazione, arrivando a conquistare prima la penisola scandinava ed in seguito l’Europa; alle linee di abbigliamento già esistenti si aggiungeranno anche le collezioni per neonati, bambini, teenager e una linea di cosmetici. Tutte le produzioni saranno decentrate tra Europa ed Asia per garantire al consumatore il miglior prezzo competitivo possibile.

Negli anni Ottanta, il figlio Stefen prenderà il ruolo di amministratore delegato portando l’azienda verso un’espansione internazionale che arriverà presto anche negli USA. Il successo di H&M è mondiale. La formula di un abbigliamento alla moda, ma low cost, si sposa perfettamente con il bisogno di massa della società, sempre più attenta all’apparire ma non sempre disposta a sborsare ingenti cifre per un capo.

Negli anni successivi l’azienda si doterà di un vero e proprio team creativo. Team composto perlopiù da giovani designer svedesi, per non limitarsi solo a copiare i trend delle ultime sfilate, ma per sviluppare un “total look” più distintivo ed uno stile più riconducibile al marchio. Al contempo verrà intrapresa un’efficace strategia di marketing volta a rendere il brand desiderabile anche per una categoria di consumatori più alta. Verranno avviate forti campagne pubblicitarie destinate a comparire su importanti riviste di moda con la scelta di testimonial e linguaggi tipici del prêt-à-porter.

H&M e Karl Lagerfeld

Il passo successivo arriva nel 2004. L’azienda chiamerà il direttore creativo di Chanel e Fendi, Karl Lagerfeld, per disegnare una linea di abbigliamento one shot esclusiva ma, ovviamente, low cost. L’operazione, di grandissimo successo mediatico e commerciale, otterrà l’effetto desiderato. Spostare la percezione del marchio H&M, arenato nel cliché del pronto moda, verso quello di un’azienda moderna ed innovativa che vanta il contributo – e la considerazione – di designer di altissimo livello. L’operazione richiamerà l’attenzione del pubblico anche per via dell”unicità della collezione, strategicamente realizzata in edizione limitata e distribuita solo in alcuni selezionati negozi. Questo aspetto, in particolare, genererà un forte clamore virale da parte di fashion victim e opinion leader, incuriosendo la stampa che vedrà ogni simile successiva iniziativa come un evento.

H&M

Le altre collaborazioni

Sulla scia del successo, negli anni seguenti H&M ha attivato altre fortunate collaborazioni . Quella con Stella McCartney (2005), Viktor & Rolf (2006), Roberto Cavalli (2007), Comme des Garçons (2008). Ma anche Matthew Williamson (2008), Sonia Rykiel (2009), Jimmy Choo (2009) e Lanvin nel 2010. Anche le popstar Madonna e Kylie Minogue hanno accolto l’invito di H&M a collaborare in veste di “guest designer” firmando rispettivamente la collezione “M by Madonna” e una linea di costumi. Con un valore stimato di 14 miliardi di dollari e un business in previsione di crescita, oggi H&M è la seconda catena di abbigliamento in Europa e la terza sul mercato mondiale. Con 2,200 negozi è presente in 40 paesi e impiega 87,000 dipendenti. Dal 2009 Karl-Johan Persson, nipote del nonno fondatore Erling, è presidente e CEO della società.

Leggi anche:

Simone Rocha svela la sua collezione con hm

Zara chiude oltre 100 negozi, addio al fast fashion?