Cerruti
Aziende e imprenditori,  H

Hitman

Hitman, azienda italiana di abbigliamento maschile. Fondata da Nino Cerruti nel 1956, quando l’erede del Lanificio Fratelli Cerruti di Biella decide di entrare nel mondo della confezione. Ha gli stabilimenti a Corsico e a Gaggiano, alle porte di Milano, e impiega 350 addetti. Produce 120 mila capi all’anno, collaborando in maniera continua con un network di altre dieci aziende italiane specializzate in cappotti, pantaloni e giacche.

Al patrimonio, per così dire, genetico della Hitman, che è stata a lungo guidata da Pinotto Marelli, appartiene la tecnica ingegneristica delle varie fasi di confezione sartoriale, secondo tempistiche e standard tipicamente industriali.

Armani e i contratti di licenza

Nei primi anni ’60, precisamente nel 1964, Nino Cerruti contatta un giovane Armani e gli commissiona la linea maschile Hitman. Cerrutti produce, Armani disegna e mette a disposizione la sua creatività, il successo è assicurato. Nascono così i contratti di licenza e nasce il prêt-à-porter maschile. La collaborazione andrà avanti fino ai primi anni ’70, quando Armani decide di fondare (nel’75), insieme a Sergio Galeotti, il suo brand.

Hitman
Giorgio Armani e Nino Cerruti

Dal suo debutto, l’azienda, che lavora esclusivamente per i marchi di casa Cerruti, produce la linea Flyng Cross. Linea nata da un’idea del fondatore e del sarto-stilista romano Osvaldo Testa. Era un marchio di tendenza, ma, via via, ha imboccato la strada dei canoni stilistici anglonapoletani, cioè la fusione fra la rigorosa sartorialità napoletana e il gusto inglese nella scelta dei tessuti. Dall’inizio degli anni ’90, lo stilista della linea è Maurizio Zuccotti. Una nuova politica di distribuzione ha incrementato del 30 per cento il numero dei clienti.

2001, maggio. L’azienda, in collaborazione con la catena di negozi Coin, mette a punto il progetto Ishtar per la sperimentazione di nuove tecnologie nella produzione e vendita di capi su misura. L’esperimento, che parte dai grandi magazzini Coin di piazza Cinque Giornate a Milano e che prevede l’utilizzo di internet, annovera tra l’altro partner portoghesi, francesi e tedeschi.

Leggi anche:

Gft, il gruppo finanziario tessile

Giorgio Armani charity: sostenibilità e solidarietà tra senso civico e romanticismo