Vitti

Gemma (1902-1992). Giornalista di moda. Ha però iniziato la sua carriera come disegnatrice per il negozio Galtrucco di Milano. È passata al giornalismo quando è stata chiamata dal quotidiano milanese del pomeriggio Corriere Lombardo per una rubrica sulle donne. In quel periodo, dopoguerra e anni ’50, ha collaborato anche con altre riviste come Beauté e Lei. Ma il vero salto professionale è per lei avvenuto quando il settimanale Alba le ha affidato tutte le pagine dedicate alla moda, per le quali ha inventato un nuovo modo di presentare le sfilate. Lo chiamava “a soggetto”: scriveva una trama e la faceva interpretare dalle modelle, avvalendosi di scenografi e artisti.