Veronese

Ettore. Stilista biellese, ha collaborato con numerose e prestigiose aziende di sportswear e confezioni sartoriali per collezioni di abbigliamento sia maschile sia femminile. Attualmente è teso allo sviluppo del suo progetto di “reworking” ovvero il recupero di elementi antichi di vario genere da ricucire sugli abiti per dar vita a creazioni originali. Papier de chine è il nome della linea di prêt-à-couture ideata da Veronese. Lini purissimi ricavati da lenzuola d’epoca sbiancate e ritinte, tele prese da antichi materassi, cotoni e ajourés, pizzi di sangallo, sete impreziosite da passamanerie dei primi ‘900. La confezione dei capi parte con il recupero dei materiali, la ritintura delle stoffe per poi passare a un assemblaggio dei pezzi con l’imbastitura direttamente sui manichini, infine le sarte definite “da cucina” cuciono i capi esclusivi contrassegnati da una certificazione che documenta la provenienza degli elementi del manufatto.