Valextra

Marchio italiano di pelletteria di lusso specializzato nella realizzazione artigianale di borse da donna, cartella da lavoro, valigeria e articoli di piccola pelletteria.

Valextra nasce nel 1937, quando il fondatore Giovanni Fontana apre la sua prima boutique al civico n. 1 della celebre Piazza San Babila, nel cuore di Milano. Più che dar vita ad un tradizionale negozio di articoli di pelletteria, egli fonda una vera e propria azienda destinata a realizzare, rigorosamente e solo con tecniche di pregiata selleria, manufatti in pelle di nuovissima concezione.

Valextra diventa, in breve, una maison di lusso di fama internazionale ed il suo nome sinonimo di uno stile che sfida le tendenze, di un design sempre innovativo ma attento alla funzione d’uso, di tecnica artigianale di altissima qualità.

Curioso, intuitivo, dinamico, intraprendente, amante dell’arte e grande viaggiatore, Giovanni Fontana ha il dono di interpretare l’epoca come nessun altro. Egli osserva, sente, ascolta e ha la capacità di trasformare un’impressione in idea creativa, associando sempre la funzionalità all’estetica.

Assecondato da validi modellisti e tecnici riesce a dar forma a tutte le sue ispirazioni. La maggior parte delle sue intuizioni si sono trasformate in best seller storici ed alcuni oggetti celebrati come icone del design in vari musei d’arte moderna. È il caso della famosa valigetta “24 ore”, insignita nel 1954 del prestigioso premio Compasso D’Oro ed esposta al MoMA di New York.

Negli anni ’70: la prima ed inimitata valigetta “attachè case” creata per il viaggio breve, che ha consegnato alla storia il nome di “Borsa 24 Ore”.

Ed ancora, nel 1957, il portamonete a scatto “Grip”, negli anni ’60, all’epoca della moda dei pantaloni a “sigaretta” , il famoso “Tric Trac”, un borsello nel quale poteva essere contenuto, in modo estremamente elegante tutto l’essenziale dell’ uomo di allora e, nel 1964, le più ambite tra le borse da cabina d’aereo: l’ “Avietta 48” ore e la “Sacca Estensibile”.

La casa ha, a più riprese, fatto appello a grandi nomi del design, come A. G. Fronzoni, grandissimo grafico e famoso designer negli anni ’60, che concepì per Valextra la valigia “Forma O” e la cartella “Premier”.

Quando nel 2000 Emanuele Carminati Molina convince il proprio gruppo famigliare a procedere all’acquisto della società, decide di riportare Valextra all’antico splendore rimanendo fedele allo spirito di Giovanni Fontana.

Per recuperare tutto ciò che aveva reso grande ed unica la maison, richiama in azienda gli artigiani di quel tempo con l’incarico di restaurare i tradizionali metodi di lavoro, insegnare ai giovani apprendisti l’antica arte della selleria e assicurare la continuità dello spirito e dello stile Valextra . Come con Giovanni Fontana, Valextra torna ad interpretare l’epoca ed a sviluppare prodotti che, attraverso un arte antica, rispondono alle necessità del momento e che, in un continuo armonico, coniugano tradizione ed innovazione, qualità assoluta e funzione d’uso, linee essenziali ed eleganza. Una qualità proverbiale, garantita da una professionalità artigianale che è stata capace di modernizzarsi nel rispetto della tradizione. Tutti gli articoli sono contraddistinti, al loro interno, da un’ impressione a caldo che identifica il prodotto, l’artigiano che ne ha curato la realizzazione e la data di produzione.

Ogni oggetto, a richiesta, può essere contraddistinto con monogramma personale. Valextra si distingue da sempre per un importante ed innovativo lavoro di ricerca e di ingegneria sulle parti meccaniche abbinate ai prodotti. Tutti i sistemi di chiusura, le serrature, i manici e le ruote sono protetti da brevetti internazionali.