The Beatles

Gruppo musicale inglese. Raggiunse le vette non solo per la sua musica ma anche per la sua immagine ispiratrice e specchio, in tempi e modi diversi, della gioventù degli anni ’60 e ’70. Originari di Liverpool, John Lennon (1940-1980), Ringo Starr (1940), Paul McCartney (1942) e George Harrison (1943-2001) vestivano come tutti i ragazzotti di periferia degli anni ’50: giubbotto di pelle e T-shirt nera alla Gene Vincent. Fu la fotografa Astrid Kircherr, fidanzata tedesca di Stuart Sutcliffe (musicista brevemente associato al gruppo), a riconoscere la necessità di un’immagine più coordinata per la band. Ad Amburgo, durante un tour del ’60, taglia i capelli a tutti e nasce così il celebre moptop, il caschetto a frangia pesante, che li rende istantaneamente riconoscibili. Qualche anno dopo — i Beatles sono avanti sulla strada della celebrità — il loro manager Brian Epstein decide di coordinare ulteriormente quell’immagine. Chiama Dougie Millings, sarto dello showbiz, perché crei per loro un look moderno ma non troppo anticonformista. Nel ’63 i Beatles vestono quella che diventerà un’uniforme: giacche alla Pierre Cardin di taglio sartoriale ma senza collo, pantaloni a sigaretta, cravatta a stringa in stile edwardiano e stivaletti con tacco cubano. Così addobbati, nel ’64 vanno in tournée negli Stati Uniti e il loro look ha un immediato impatto sulla moda (ugualmente le loro fidanzate che vestono minigonne alla Mary Quant). Nella seconda metà degli anni ’60, l’immagine dei Beatles cambia, tenendosi al passo con i grandi cambiamenti nella cultura giovanile dei tempi, cadenzati soprattutto dalla politica pacifista e dall’avvento terribile della droga. Ecco, allora, i dischi Lucy in the sky with diamonds (L.S.D.) e All you need is love (Pace, non guerra del Vietnam) entrambi del ’67. Ecco, allora, il loro nuovo guardaroba: uno stile hippy e psichedelico, jeans a zampa d’elefante, kaftani, ricami e perline, i capelli diventano lunghi e spettinati. L’immagine, però, è sempre ben coordinata: la band si veste sempre dai sarti di grido, come Tommy Nutter o The fool, e nelle boutique più esclusive. (Virginia Hill) &quad;Dopo lo scioglimento del gruppo nel 1970, Lennon e McCartney tentano le carriere soliste, con un certo successo. John Lennon viene assassinato nel 1980 dal fan squilibrato Mark David Chapman mentre rientra con la moglie, l’artista Yoko Ono, nella sua residenza al Dakota Building di New York.