Saia

Saia. Detta anche saglia, twill in inglese e serge in francese, è una delle armature fondamentali accanto a tela e raso con fili disposti in diagonale

Detta anche saglia, twill in inglese e serge in francese, è una delle armature fondamentali accanto a tela e raso. I punti di legatura tra fili e trame sono disposti in diagonale. Sulla superficie coste e solchi paralleli con inclinazione a 45 gradi. Poco usata per drapperia e laneria, salvo il gabardine, trova ampia applicazione nei tessuti di cotone (jeans, drill, levantine ecc.) e in tessuti femminili leggeri di seta o lana e seta. Un derivato della saia è la batavia con cui si ottengono più effetti di coloriture e disegni, come le stoffe quadrettate, l’occhio di pernice, il pied de poule, il principe di Galles, gli spigati, le grisaglie.

Leggi anche:

Il Principe Carlo inaugura Burberry a Londra

Il pied-de-poule: una tendenza senza tempo.

Faille

Faille. Tessuto di seta o fibre sintetiche di aspetto simile al taffetà (in fiammingo “falie”) ma a grana più marcata con coste evidenti in diagonale.

Faille. Tessuto di seta o fibre sintetiche di aspetto simile al taffetà (in fiammingo “falie”) ma a grana più marcata con coste evidenti in diagonale. Di peso medio o pesante ha consistenza sostenuta, piuttosto rigida. Usato per abiti da gran sera.

Leggi anche:

Microfibra

Filanca

Agritessuti dall’Italia l’evoluzione green