Michel Perry

Perry Michel (1949). Designer di calzature. È figlio d’arte o meglio d’artigianato. Considerato fra i più estrosi creatori contemporanei di scarpe

Michel (1949). Designer di calzature. È figlio d’arte o meglio d’artigianato. Considerato fra i più estrosi creatori contemporanei di scarpe, ha debuttato con una collezione nel 1987, dopo gli studi di Belle Arti in Belgio e a Parigi e una collaborazione dall’83 all’85 con Philippe Model. Produce 20 mila paia di calzature a stagione che vengono distribuite in 150 negozi e nelle boutique Michel Perry a Parigi in rue des Petits-Pères.

I suoi modelli rompono con la tradizione e inventano linee e decori, con una chiara predilezione per le forme allungate e per i tacchi alti.

Nel 2001 Michel Perry disegna la prima collezione uomo per J.M. Weston, e qualche anno dopo, nel 2004, inaugura un flagship store nella capitale francese, al 243 di rue Saint-Honoré. Il 2007 segna i vent’anni d’attività: l’importante anniversario è celebrato con l’inaugurazione del concept store Michel Perry Collector, al 42 di rue de Grenelle a Parigi, uno spazio anticonvenzionale ispirato nel décor al castello che il designer possiede in Normandia.

Leggi anche:

L’inutilità delle scarpe Lidl vendute sino a 2.700 euro

MICAM: la più grande rassegna di calzature al mondo

Giani, Nadia

Nadia Giani. Stilista milanese, inizia la propria carriera della moda come designer di calzature, crea un suo marchio ed apre un concept store a Milano.

Nadia Giani. Stilista milanese, inizia la propria carriera della moda come designer di calzature, attività che porta avanti per alcuni anni e che vede anche una collaborazione con Alberto Biani. Nel 2004 fonda la Luz s.r.l., azienda con cui lancia il suo primo marchio di abbigliamento e accessori.  Mentre è al 2005 che risale il lancio della linea di T-shirt e tute in ciniglia I LOVE MILANO, il cui successo porterà alla creazione di I LOVE CONVIVIO per CONVIVIO 06, e successivamente di linee analoghe per le città di Roma, Napoli, Palermo e Cortina. Nel 2006 lancia la collezione Nadia Giani fatta di abiti estremamente eleganti e femminili, destinati a una donna cosmopolita, semplice e spontanea. La sua prima collezione primavera-estate viene distribuita con successo in Giappone.

Nel 2007 apre a Milano il suo primo concept store, ideato dall’architetto Tito Canela, dove tutto riflette i gusti e le idee della designer. Caratterizzato da tinte pastello, luci soffuse e decorazioni floreali, in cui offre alla clientela non solo capi d’abbigliamento ma anche una vasta gamma di accessori, prodotti di bellezza nonché opere d’arte e di design. L’abito in tutte le sue varianti è l’elemento centrale delle collezioni di Nadia Giani, i cui capi, ispirati ad atmosfere vintage, non seguono nessuna moda. Ogni pezzo è infatti una vera e propria opera d’arte, prodotto in edizione limitata, curato nel minimo dettaglio, icona di uno stile senza tempo. Dalla primavera-estate 2010, il marchio tornerà a essere distribuito in tutto il mondo, con una collezione di abiti e accessori sempre in limited edition.

Leggi anche: 

Melegari e Costa Montenapoleone

Milano Fashion Film Festival: moda e arte in digitale