Dresscamp

Dresscamp. Marchio caratterizzato da spiccato amore per la decorazione, mescolanza di materiali e un certo gusto per la ridondanza.

Dresscamp. Marchio lanciato nel 2003 da Toshikazu Iwaya, stilista giapponese nato nel 1974. Caratterizzato da spiccato amore per la decorazione, mescolanza di materiali e un certo gusto per la ridondanza, il designer si è aggiudicato numerosi premi internazionali tra cui il Moet et Chandon New designer Awards nel 2004 e, dopo l’apertura del suo primo monomarca nel quartiere di Aoyama a Tokyo nel 2005, ha iniziato diverse collaborazioni con marchi europei del lusso quali Piaget e la nota etichetta tedesca di pelletteria MCM.

Leggi anche: 

Yohji Yamamoto

Addio Kenzo: lo ricordiamo con le sue migliori collezioni 

Entre deux

Entre deux. Impalpabili cardigan e maglioni jacquard in soffice mohair con profili effetto “dentelle sfrangiata”; ma non solo…

Entre-Deux: piccolo villaggio francese situato nell’isola de La Réunion dell’Oceano Indiano.

Entre-deux: spazio intermedio tra due cose.

Entre-deux: una litografia del 1964 di Le Corbusier alla galleria Michelle Champetier di Cannes.

Entre-deux: l’album di canzoni rétro dello charmant Patrick Bruel al primo posto per 11 settimane nella classifica francese con più di un milione e 300mila copie vendute.

Entre-deux: la fascia di pizzo inserita fra due lembi di tessuto, decorazione per abiti, camicie e biancheria.

Entre-deux: la rimessa a due nel basket.

Entre-Deux: pluripremiato shopping center olandese, famoso anche per la ricca e moderna libreria in un’antica chiesa sconsacrata.

Entre-deux, e non “entre les deux”: la prima collezione capsula di Kristina Ti. Nei negozi a novembre (proprio quando le donne iniziano a chiedere di capi “crociera”, resort o di precollezione), la linea si compone di 30 pezzi intercambiabili fra di loro. Finita l’ossessione per il total look, ora è il tempo dell’articolo prezioso, speciale, da indossare tutto l’anno, da sovrapporre a un altro o da nascondere sotto la giacca e il cappotto.

Impalpabili cardigan e maglioni jacquard in soffice mohair con profili effetto “dentelle sfrangiata”.

Leziose bluse da bambola con arricciature in seta, micro perline, sottilissime catene e originali Crystallized Swarovski Elements, abiti con liane di canottiglie, bikini con fiori in acetato trasparente.

Tre i colori scelti: poudre, peau e noir. Più una stampa: dalle pennellate semplici, subito optical, sempre femminilissima.

Disegnate, accarezzevoli, imprevedibili sono le proporzioni apparentemente classiche ma che non annoiano mai e donano un seducente charme personale.

Maniche principesche dai volumi importanti, bordi di pizzo a contrasto, morbide arricciature, colli avvitati e décolleté generosi, corto e lungo, fluido e sexy.

La prima collezione Kristina Ti fra l’inverno e la primavera. Sempre completamente prodotta in Italia. Sempre di un’inimitabile qualità.

Leggi anche:

Vièn, marchio Made in Puglia sfila alla Milano Fashion Week

Ermenegildo Zegna 2021: la collezione uomo “The (re)set”