Trope, Donna

Trope Donna. Fotografa americana. Lavora per Vogue Beauty, Dazed & Confused, Citizen K, L’Officiel. I suoi ritratti sono stati esposti in vari musei

Donna. Fotografa americana. Lavora per Vogue Beauty, Dazed & Confused, Citizen K, L’Officiel. I suoi ritratti sono stati esposti al Victoria and Albert Museum di Londra e alla Biennale di Venezia.

Trope espone le sue fotografie in esposizioni internazionali, compresa una del 2008 a Roma, intitolata “Gorgeous isn’t good enough” (“Stupenda non è ancora abbastanza”), dedicata naturalmente alla bellezza femminile in fotografia.

Leggi anche:

Man Ray: il dadaista tra fotografia e moda

Richard Avedon, la fotografia oltre la bellezza

Rankin

Rankin. Fotografo scozzese. Rappresenta molto bene la nuova fotografia britannica aggressiva, trasgressiva, molto ricca di creatività

(1966). Fotografo scozzese. Rappresenta molto bene la nuova fotografia britannica aggressiva, trasgressiva, molto ricca di creatività che contamina tutti i generi e non disdegna l’ironia. Rankin stesso si è ormai affermato per il suo stile personalissimo come uno degli autori di riferimento della fotografia di moda.

Rankin
Rankin

Nel ’91 fonda con Jefferson Hack, Dazed and Confused che subito si afferma come una delle testate più incisive e ricche di soluzioni insolite come quella dell’impaginazione che consente di sfogliare la rivista nei due versi. Accanto alle singole immagini per le copertine, Rankin realizza spesso servizi shock (famoso quello in cui una modella indossa un vestito che si incendia), ma pubblica anche per altre testate come Rolling Stone, Interview, Spin, Big Issue, The Guardian, Harper’s Bazaar, Indipendent on Sunday, Snoozer.

Pubblicazioni

Nel ’99 apre con Alex Pround, delle omonime gallerie londinesi, la casa editrice Vision On lanciandola con un suo primo libro Nudes, cui ne seguono altri come CeleBritation (i suoi ritratti più celebri), Snog e Sofasosexy nel 2002.

Con altre case editrici, pubblica la retrospettiva Rankin Works nel 2000. Nel 2002 Work in Progress # 1, Breeding (studio in bianconero su modelle androgene) stampato in edizione limitata e firmata di 1500 copie. Nel 2000, lancia il quadrimestrale di moda Rank e il periodico Another dove continua la sua linea di promozione dei giovani autori. Numerose sono le foto per copertine di dischi: U2, Spice Girls, Pulp, Salad, Morissey, Maniac Street Preachers. Per quanto riguarda i ritratti, il più importante è quello realizzato alla regina Elisabetta in occasione del suo Giubileo assieme a quelli degli altri nove fotografi selezionati.

Ritratto Regina Elisabetta
Ritratto Regina Elisabetta

Mostre

Il ritratto è stato esposto al Castello di Windsor nel febbraio 2002 e poi trasferito alla National Portrait Gallery di Londra. Recentemente Rankin ha anche iniziato a realizzare brevi filmati. Numerose sono le mostre in Europa e negli Stati Uniti. Per rendere omaggio ai 22 anni di carriera di questo straordinario fotografo, in Gran Bretagna viene allestita la mostra Rankin Live. Oltre a essere la mostra più grande mai realizzata su Rankin l’evento ha anche uno scopo benefico, il ricavato infatti verrà in parte devoluto in beneficenza.

Leggi anche:

Richard Avedon, la fotografia oltre la bellezza

Morto Bob Krieger: grande fotografo

Poynter, Phil

Phil Poynter (1973). Fotografo inglese. Si è affermato sulla rivista indipendente Dazed and Confused di cui è stato fotografo e art director fin dal 1994.

Phil Poynter (1973). Fotografo inglese. Si è affermato sulla rivista indipendente Dazed and Confused di cui è stato fotografo e art director fin dal 1994. Inoltre, ha lavorato per Spin e per la casa discografica Atlantic Records. La sua caratteristica è quella di costruire storie spesso ironiche e di grande impatto emotivo. Fra i suoi clienti Diesel, David James, Givenchy, The Verve.

poynter
Cover Vogue Messico 2019 by Phil Poynter

Leggi anche:

Vogue

Morto-Bob Krieger-il-ritrattista-della-moda

Dazed and Confused

Dazed and Confused è un giornale di musica e moda inglese lanciato nel 1994 per un pubblico giovane e desideroso di essere informato sulle ultime tendenze.

Giornale di musica e moda inglese lanciato nel 1994 per un pubblico giovane, attivo e desideroso di essere informato sulle ultime tendenze.

Dazed and Confused è concepito tridimensionalmente; oltre alla carta stampata possiede un sito web e una galleria d’arte a Londra dove si tengono mostre fotografiche. Altri progetti includono programmi televisivi, la pubblicazione di libri, cd musicali e l’organizzazione di eventi in giro per il mondo.

Infatti, l’idea è di trovare un modo nuovo e alternativo di fare giornalismo. Il giornale ha supportato più volte cause sociali. Ha inoltre stimolato dibattiti su temi come la percezione dell’handicap, l’apartheid e la diffusione dell’Aids in Africa.

Nel 2001 la Dazed Group lancia la rivista semestrale dedicata al lusso Another Magazine e nel 2005 replica con Another Man, dedicata all’uomo. Successivamente, dal novembre 2006 viene lanciato DazedDigital.com, uno spazio virtuale dove si parla di moda, musica, arte, progetti fotografici, video e blog.

Copertina Dazed and confused
Copertina Dazed and confused