Dante Prini

Dante Prini è un’azienda italiana che crea, produce e commercializza a livello mondiale tessuti serici per cravatteria.

Dante Prini è un’azienda italiana che crea, produce e commercializza a livello mondiale tessuti serici per cravatteria. Opera per tutte le più importanti griffe del settore ed esporta l’80 per cento della sua produzione. La creazione è realizzata a Como e presso le filiali di New York e Londra, mentre la produzione avviene negli impianti italiani. Una parte della stampa è realizzata in Cina attraverso una joint-venture. Fondata nel 1936 da Dante Prini e sviluppata dal figlio Enrico, nel ’97 l’azienda è passata sotto il controllo paritetico di tre azionisti: il Gruppo Tessile Miroglio, il Mediocredito Lombardo e i dipendenti.

Cravatta: la voce del dizionario della moda

L’outfit con il pantalone in seta

Prini

Prini è un’azienda tessile fondata nel 1936. Il creatore Dante Prini avvia un’attività commerciale di tessuti per cravatte operate, prima in rayon e in seguito di materiale sintetico, aprendo nel 1956 una tessitura a Villa Guardia, in provincia di Como. Nei primi anni ’70, abbandonata la tessitura di Villa Guardia, l’attività viene insediata in una nuova tessitura a Lucino (Co) che assolve anche alle operazioni di stampa. Negli anni ’80, la produzione viene articolata in divisioni: la Kitex e la Kiseta, aperte nel 1980, comprendono entrambe la lavorazione di tessuti operati e stampati per cravatte, rispettivamente di stoffa sintetica e di seta. La Lineaseta (1986) è rivolta alla fascia alta del mercato italiano ed estero e riservata ai prodotti in fibra naturale. Il settore dell’abbigliamento femminile è suddiviso invece in due comparti: la Kicomo (1981), con un prodotto di qualità medio-alta in fibre sintetiche, naturali e artificiali, e la Kimoda (1987) rivolta al mercato medio-basso. Nell’ultimo decennio del ‘900, la situazione finanziaria dell’azienda costringe i vertici a “dare mandato alla Arca Marchant Spa per una ristrutturazione del debito verso il sistema bancario”. Non basta: la ditta chiude.

CLIVIO

Clivio: Fabbrica tessile nata nel 1918 per la produzione di tessuti di seta per cravatte rigati, operati, stampati, chinè moire, chinè operati…

Clivio. Fabbrica tessile nata nel 1918 per la produzione di tessuti di seta per cravatte rigati, operati, stampati, chinè moire, chinè operati. I fondatori Francis Clivio e il cognato Carlo Longoni eseguono in proprio i disegni delle cravatte. La cravatte vengono prodotte nelle tessiture di Como, Giussano (Mi), Fino Mornasco (Co) e Minoprio (Co) acquistate tra il 1919 e il 1921.

Nel corso degli anni Trenta viene avviata la concentrazione della produzione dei tessuti in seta e rayon nello stabilimento di Como. Poi nel ’34, alla morte di Francis, sono i Longoni e la vedova Clivio a proseguire l’attività.

Clivio
Una cravatta Clivio.

Dall’inizio degli anni ’60 Franco Longoni si troverà da solo alla guida dell’azienda, decidendo prima lo spostamento della stamperia vicino alla tessitura e dopo la sua vendita a una società, la Stamperia Smart, di cui egli stesso è uno dei soci. Nell’89, la Francis Clivio viene assorbita dalla Dante Prini.