Pintaldi, Angela Carruba

Angela Pintaldi. Creatrice di gioielli. Sa trasformare elementi naturali in preziose sculture da indossare. I suoi gioielli sono pezzi unici.

Angela Carruba Pintaldi(1960). Creatrice di gioielli. Anima d’artista, sa trasformare elementi naturali in preziose sculture da indossare. Usa pietre che ricordano la Sicilia, la sua terra, e le terre del sud in cui ha vissuto, il Marocco, l’India, il Messico, Pantelleria: ciottoli di fiume e cristalli di rocca, acquemarine grezze e pepite d’oro, coralli strappati dal mare, ambre e ossidiana. I suoi gioielli sono pezzi unici, conservano la forma originaria della materia. Quando Palermo le diventa troppo stretta, si trasferisce a Milano e a Parigi.

L’incontro fortunato con Hélène de Rothschild e la giornalista americana Polly Mellen aiutano Angela Pintaldi ad entrare in un giro sofisticato e internazionale. Fedele alla componente artigianale e artistica del suo lavoro, ha una produzione limitata, in vendita in pochi punti esclusivi al mondo: nel suo show room di Milano, da Bergdorf Goodman a New York, in gallerie d’arte a Parigi. Per comunicare le sue creazioni non ha scelto la strada della pubblicità, ma quella dei libri affidati a famosi fotografi, in cui lei stessa è interprete e testimonial dei suoi gioielli. Il fotografo messicano Leo Matiz le ha dedicato un libro in cui Angela, grazie alla eccezionale somiglianza, fa rivivere la pittrice Frida Khalo.

Leggi anche: 

La voce di Frida Kahlo nel dizionario dell’arte 

Una valanga di gioielli pop: è tendenza 

Picasso, Paloma

Paloma Picasso. Nata da Pablo Picasso e Franµoise Gilot,inizia la sua attività come costumista teatrale, ma dimostra subito una inclinazione per i gioielli.

Paloma  Picasso (1949). Nata da Pablo Picasso e Franµoise Gilot, inizia la sua attività come costumista teatrale, ma dimostra subito una spiccata inclinazione per i gioielli. Inventa collane usando gli strass dei bikini di scena delle Folies Bergères e, quando presenta le sue prime creazioni a Yves Saint-Laurent, riceve immediatamente l’incarico di disegnare una collezione di monili per la sua successiva sfilata. Nel 1972-73 disegna per il marchio greco Zolotas. Nell’80 inizia la sua collaborazione con Tiffany. Crea numerosi pezzi unici fra cui scatole intarsiate di pietre preziose, spille a insetto e collane con incastonati alcuni fra i più grandi e preziosi esemplari di pietre colorate. Nel Museo di Storia Naturale The Field di Chicago è esposto un suo bracciale in lunaria da 408,63 carati. Oltre ai gioielli, firma un profumo, un rossetto nelle tonalità del rosso battezzato Paloma, foulard, una linea di borse e di accessori.

Picasso, Picasso
Picasso, Picasso

Leggi anche: 

Yves Saint Laurent 

Lvmh compra Tiffany, firmato l’accordo l’acquisizione è fatta