Boetti, Lucia

Boetti Lucia (1909-1985). Sarta teatrale. Dopo alcuni anni, nella sua sartoria di via Unione 7, si specializza in costumi di scena

Lucia (1909-1985). Sarta teatrale. Arriva a Milano dalla Puglia (Corato di Bari) nel 1918 con tutta la famiglia. Particolarmente intelligente e fantasiosa, autodidatta, comincia a lavorare come ricamatrice. Dopo alcuni anni, nella sua sartoria di via Unione 7, Boetti si specializza in costumi di scena, che realizza personalmente per Wanda Osiris ed Elena Giusti. Lavora per le compagnie di rivista di Garinei & Giovannini, per l’impresario Remigio Paone, per I Legnanesi e i casinò di Las Vegas e Beirut. Collabora anche con i costumisti Giulio Coltellacci, Maurizio Monteverde, Corrado Colabucci.

Leggi anche:

La regina degli scacchi: tutti i segreti dietro ai costumi della serie

Armani, Dolce&Gabbana e Valentino firmano i costumi della prima della Scala 2020

Harrods a Genova? ecco tutte le novità

Wakeling

Gwen Wakeling è stata tra le più grandi costumiste cinematografiche mai esistite. Tra i suoi lavori, gli abiti di capolavori come Sansone e Dalila

Wakeling Gwen (1901-1982). Costumista americana. Specializzata nei kolossal in costume, nel 1950 fu premiata con l’Oscar per Sansone e Dalila. Già dagli anni ’20 del resto, dopo gli studi a Parigi, collaborava alle grandi epopee di Cecil B. De Mille, come Il Re dei Re (’27).

La particolare propensione al film storico di Wakeling non le impedì di realizzare abiti sofisticati per le vedette femminili della Fox, lo studio di cui diresse il dipartimento costumi. La sua star di riferimento fu Loretta Young (Mia moglie cerca marito, ’37); tra le altre, vestì Linda Darnell, Rosalind Russell, Alice Faye, Simone Signoret. All’inizio degli anni ’40 lasciò la Fox, ma continuò a collaborare con i più importanti studi hollywoodiani: Columbia, Warner Bros., United Artists, Rko. Decisamente eclettica, chiuse la carriera con un film musicale di serie B, Frankie e Johnny (’66). Fu molto attiva anche in televisione.

Leggi anche

Costumista cinematografica