Costume National

Costume National. Marchio dietro cui sta lo stilista Ennio Capasa. La sua moda viene definita dal New York Times come un nuovo modernismo cool e chic.

Costume National. Marchio italiano dietro cui sta lo stilista pugliese Ennio Capasa, nato a Lecce nel 1960. Diplomatosi all’Accademia di Belle Arti di Milano, dopo aver a lungo viaggiato in Oriente, approda nell’83 in Giappone dove lavora nel team di uno straordinario creativo, Yoshi Yamamoto. Nel 1987, tornato in Europa, Capasa progetta la prima collezione Costume National, di ispirazione minimalista, essenziale, con una particolare silhouette smilza e allungata e aderente al corpo. Il New York Times lo definisce “un nuovo modernismo cool e chic”. Nel 1993 presenta Costume National Homme. La sua moda viene subito adottata dalle correnti emergenti della musica e del cinema che lo considerano un designer cult. É un’azienda a carattere familiare, con sede a Milano, dove Ennio Capasa è il designer, il fratello Carlo il general manager ed entrambi sono proprietari del marchio che si articola in abbigliamento femminile, maschile, accessori.

Leggi anche: 

Ennio e Carlo Capasa lasciano Costume National 

 Carlo Capasa, un piano per risollevare il settore moda 

Vetrina di Beryl

Vetrina di Beryl. Negozio milanese di scarpe. Aperto nel marzo del 1986, in via Statuto, si è imposto come must per i più modaioli. E’ la mecca della moda

Vetrina di Beryl. Negozio milanese di scarpe. Aperto nel marzo del 1986, in via Statuto, si è imposto come must per i più modaioli. Sempre trendy, propone scarpe di Costume National, Free Lance ed Ernesto Esposito e spesso reinterpreta lo stile dei più famosi designer in modo esclusivo, cambiando magari i materiali e i colori. Nel ’96, lancia anche una collezione di abbigliamento, sempre in linea con una filosofia leggermente d’avanguardia.

Leggi anche

CNC Costume National

Capasa, Carlo

Carlo Capasa è il Presidente in carica di Camera Nazionale della Moda Italiana, attento alle tematiche della sostenibilità.

Carlo Capasa. Presidente della Camera Nazionale della Moda Italiana, Associazione che riunisce le case di moda italiane con l’obiettivo di promuovere nel mondo uno tra i settori d’eccellenza dell’industria nazionale.

Nominato per la prima volta consigliere della Camera Nazionale della Moda nel 2010 ed eletto Presidente nel 2015, Capasa ha improntato una visione strategica focalizzata su quattro pilastri: sostenibilità, digitalizzazione, nuovi brand, narrazione.

Sotto la sua guida, CNMI è diventata capofila mondiale tra le altre associazioni sul tema della Sostenibilità, con la pubblicazione di diversi documenti e linee guida che affrontano l’importante tema da molti aspetti.

Carlo Capasa

Ha inoltre dato il via alle prime tre edizioni del “International Roundtable on Sustainability”, incontro internazionale rivolto ai responsabili CSR delle aziende della moda di tutto il mondo; alle prime quattro edizioni dei “Green Carpet Fashion Awards Italia” realizzate in collaborazione con Livia Firth; al primo Summit di CNMI “Crafting the Future” realizzato insieme a Bain Company e The Business of Fashion; la Mostra “Crafting the Future of Fashion, storie di Artigianalità e Innovazione” curata da Franca Sozzani; “Italiana. L’Italia vista dalla Moda. 1971-2001” curata da Maria Luisa Frisa e Stefano Tonchi; “Memos. A proposito della moda in questo millennio” a cura di Maria Luisa Frisa.

Nato a Lecce, Puglia, dopo gli studi si trasferisce a Milano. Carlo Capasa ha sviluppato una carriera ricca di successi coprendo vari ruoli chiave in numerose aziende del settore. Fino a marzo 2016, quando la compagnia è stata venduta a un Gruppo giapponese, Carlo Capasa ha ricoperto il ruolo di Amministratore Delegato di Costume National, la Maison che ha fondato con il fratello Ennio nel 1986.

Leggi anche

Un piano per risollevare il settore moda. 

Carlo Capasa rinominato presidente della CNMI 

Capasa, la moda italiana azienda strategica 

Intervista al Presidente di CNMI, la moda italiana cresce 

Valutazioni di Carlo Capasa sul mese della moda 

Milano vuole il suo museo della moda