D’Ancona, Laura

D’Ancona. Ricercatrice nel vintage. Titolare dello studio di progettazione stilistica Ld’A Lab, consulente nei settori dell’abbigliamento e dell’accessorio.

Laura D’Ancona. Ricercatrice e “pasionaria” del vintage. Titolare dello studio di progettazione stilistica Ld’A Lab, è consulente nei settori dell’abbigliamento e dell’accessorio e insegna all’Istituto Europeo di Design, Ied.

Nasce a Roma e, dopo la maturità classica, nel 1988 ottiene, con il massimo possibile dei voti e la lode, il diploma di Stilismo e Moda (corso superiore quadriennale) allo Ied della capitale.

Inizia un tirocinio di cinque anni presso un ufficio stile, dove segue marchi specializzati nel capospalla con predilezione per il mondo dello sport e casual.

Sviluppa subito la sua passione per il vintage e il suo interesse per lo street style in genere, muovendosi in Italia e all’estero, ricercando e acquistando capi d’archivio.

Nel ’93 fonda il suo studio di progettazione e, avvalendosi di un team di collaboratori, avvia le consulenze per marchi di aziende come Ferretti Studio, Gattinoni, Fendissime, Gas, Cotton Belt.

Nel ’98 vara, in alleanza con il marchio A.n.g.e.l.o. di Lugo di Romagna, titolare del maggior archivio di abbigliamento usato in Italia, una collezione basic di matrice vintage.

Attualmente Laura D’Ancona disegna, per il marchio emergente Panepinto di Milano, una linea focalizzata sul tricot e piccoli pezzi fantasia preziosi ed elaborati e per il Gruppo Soffiantini di Brescia la linea Kiltie: una collezione di nicchia, qualitativamente di alta gamma, fatta di linee, dettagli e sottili contenuti di tendenza.

Leggi anche: 

Come è cambiato il mondo della moda 

 Per Marc Jacobs è vintage show 

Normand, Robert

Robert  Normand (1969). Stilista francese. Si diploma allo studio Berµot a vent’anni e diventa subito assistente di Adeline André.

Robert  Normand (1969). Stilista francese. Si diploma allo studio Berµot a vent’anni e diventa subito assistente di Adeline André. Passa un periodo da Yoneda Kasuko e, per due anni, lavora attivamente da Arnaud e Thierry Gillier dove apprende la base del mestiere e ogni dettaglio della fabbricazione. Nel 1994 è da Dorothée Bis come stilista per l’uomo. L’anno dopo entra alla maison Lanvin. Nel 2001 crea la società che porta il suo nome e diventa consulente per la collezione maschile di Pucci a Firenze. Oggi produce una collezione uomo e donna che porta il suo nome. (Maddalena Fossati).

Nel 2008  Robert  Normand apre una nuova boutique a Parigi, opera dei due designer Anne Pezzoni e Louis Benzoni, situata in Galerie de Valois nel Palazzo Reale. Gli interni sono di ispirazione vintage, con decorazioni tratte dalla Hollywood anni ’30, fantasie anni ’50 e ’60, e pareti ondulate che creano sorprendenti effetti ottici grazie a degli specchi.

Leggi anche: 

Lanvin

Pencil Chat Lanvin, la borsa che segnerà storia della griffe 

Butazzi, Grazietta

Butazzi, Grazietta. Storica della moda con una lunga attività legata a istituzioni culturali milanesi. Dal 1976 al ’90, è stata consulente…

Butazzi, Grazietta. Storica della moda con una lunga attività legata a istituzioni culturali milanesi. Dal 1976 al ’90, è stata consulente per la raccolta Moda e Costume presso le Civiche Raccolte di Arte applicata del Castello Sforzesco.

Inoltre, la Butazzi ha collaborato a mostre e cataloghi del museo Poldi Pezzoli (1922- 1943: vent’anni di moda italiana e Velluti italiani del Rinascimento), del Comune di Milano (Il Settecento lombardo). Ha anche insegnato Storia della moda alla Domus Academy dall’85 al ’90. Attualmente cura per il Poldi Pezzoli Notizie Soffici, un notiziario di iniziative sul tessuto e la moda, con aggiornamento bibliografico.

Altre mostre alle quali ha collaborato: I mestieri della moda a Venezia con il museo Correr. Anziehungskrafte. Varieté de la mode 1786-1986 con lo Stadtmuseum di Monaco. E anche, L’abito per il corpo il corpo per l’abito con il museo Stibbert di Firenze.

Molte le pubblicazioni, fra le quali vanno citate: Il costume in Lombardia (Electa ’80), Moda Arte Società Costume (Fabbri ’82), La moda italiana, in due volumi curati con Alessandra Mottola Molfino (Electa ’85). Ma anche: Giornale delle nuove mode di Francia e d’Inghilterra in tre volumi (Allemandi ’89), Idee di Moda collana in 9 volumi curata con A. Mottola Molfino (De Agostini), Storia della moda (Calderini ’95).

Leggi anche: 

Gnoli, Sofia

I 20 libri di moda da leggere o regalare