Tcherassi, Silvia

Silvia Tcherassi. Stilista colombiana. È una bellissima bionda, qualcosa tra Grace Kelly e Deborah Kerr. Nata a Barranquilla, città sul mar dei Carabi.

Silvia Tcherassi (1966). Stilista colombiana. È una bellissima bionda, qualcosa tra Grace Kelly e Deborah Kerr. Nata a Barranquilla, città industriale e portuale affacciata sul mar dei Carabi, sposata con due figli, debutta a Milano Moda Donna con la collezione per l’inverno 2003-2004. In precedenza aveva sfilato a Parigi, Düsseldorf, Washington, Los Angeles, Miami, dove viene eletta “New star in fashion”.

In occasione del Bogotá Fashion, la rivista Vogue la premia per il suo percorso professionale. Inizia con il design di interni, ma la ricerca di nuove espressioni e un soggiorno in Europa sono sufficienti per farle cambiare indirizzo, ed eccola stilista.

Di certo ama i contrasti: la sua donna può avere la delicatezza di una ballerina sulle punte o l’aggressività di una rock star. Uno stile plurale che accosta gli estremi anche per quanto riguarda i tessuti: evanescenti o “croccanti”, come il taffetà con rilievi in coccodrillo.

Tcherassi
Silvia Tcherassi – Resort 2018

Eletta “donna dell’anno” nel 1998, mentre nel ’99 riceve dal suo governo uno speciale riconoscimento quale nome influente nella storia contemporanea della Colombia. Fra le sue clienti vip, Hillary e Chelsea Clinton. Nel 2007, dopo aver ricevuto l’investitura di Cavaliere delle Arti e delle Lettere dal governo francese, aderisce alla tendenza degli hotel di lusso creati da designer, scegliendo come prima sede per il suo hotel dotato di spa Cartagena de Indias, in Colombia.

Tcherassi
Silvia Tcherassi – Cumbé Swimsuit SS 2020

Leggi anche:

Desigual

SALVATORE FERRAGAMO

Teso, Giuliana

Giuliana Teso. Stilista italiana di pellicceria e di moda pronta. Nasce a Bergamo. Nel 1978, entra nell’azienda di pellicce fondata dal marito Riccardo.

Giuliana Teso (1948). Stilista italiana di pellicceria e di moda pronta. Nasce a Bergamo. Nel 1978, entra nella neonata azienda di pellicce fondata dal marito Riccardo, la Papillon di Vancimuglio nei pressi di Vicenza. Due anni dopo, per personalizzare la produzione moda, firma la prima collezione.

Nell’83, partecipa alla Pelzmesse di Francoforte, fiera internazionale della pelliccia, e, nell’84, alla selezionata rassegna American Legend con visoni reversibili stampati a coccodrillo e pellicce per la sera impreziosite da perle e strass.

Teso

Nell’87 è invitata a Contemporary, nell’ambito di Milano Collezioni. I grandi magazzini americani Bergdorf Goodman e Neiman Marcus le dedicano vetrine e corner. È continua la sua crescita stilistica che consolida la presenza nei mercati americano, orientale ed europeo.

Philip Hockey — situato a Londra, nel cuore della City — ha scelto i suoi capi per proporre alla sua esigente clientela l’eleganza e la qualità dell’Italian Style. Un corner Teso è nel Fashion and Novelty Department del grande magazzino londinese Harrods.

Apre negozi monomarca a Mosca e San Pietroburgo. Attualmente, presenta pure una collezione vastissima di cappotti con bordi di pelliccia, confezionati con la stessa attenzione e abilità artigianale dedicata alle pellicce, cui si aggiunge una nuova linea di pelle, camoscio e tessuto.

La fusione equilibrata dei ruoli tra Riccardo Teso — anima imprenditoriale — e la moglie Giuliana — spirito creativo — rappresenta l’asse portante e vincente di questa azienda. Successivamente inizia anche la produzione di pelletteria, proponendo una linea di accessori come borse e calzature, anche qui, senza rinunciare agli inserti in pelliccia per molti dei suoi modelli.

Crea poi una seconda linea di pellicce e accessori pensata per le più giovani: ByTe (by Teso).

Leggi anche:

PellicceModa

Divieto-vendita-pellicce-New York

Coccodrillo

Coccodrillo. Pelle molto pregiata e costosa che viene usata sia per indumenti sia per accessori. Dati i costi elevati, negli ultimi tempi viene imitato.

Coccodrillo. Pelle molto pregiata e costosa che viene usata sia per indumenti sia per accessori. Infatti dati i costi elevati, negli ultimi tempi viene imitato con una stampa a coccodrillo effettuata su pelli comuni.

Leggi anche: 

Cammello

Lacoste addio coccodrillo ora solo golf

Bidermann, Aurélie

Bidermann. Inizia la sua carriera nel mondo dell’arte, stimolando il suo talento creativo. Segue poi la sua passione: disegnare gioielli.

Bidermann, Aurélie. Inizia la sua carriera nel mondo dell’arte, stimolando il suo talento creativo. Decide poi di portare avanti gli studi per soddisfare la sua passione: disegnare gioielli. Grazie a molti viaggi in tutto il mondo il suo stile si definisce sempre più, adottando la caratteristica delle pietre colorate e dei ciondoli porta fortuna. Il brand Aurélie Bidermann nasce a coronamento del sogno della designer nel 2001. I gioielli diventano tanto conosciuti che il commercio si estende al Giappone e ad altri paesi. Nel 2004 Lacoste commissiona a Aurélie la creazione di un braccialetto con un ciondolo a forma di coccodrillo per gli open di tennis francesi. Dalla madreperla alle preziose pietre colorate come l’acqua marina e il topazio, dall’elefante simbolo indiano ad altri elementi caratteristici di altri paesi, il messaggio di Aurélie riguarda l’arte della felicità.