Desmo

Desmo. È stata creata nel 1975 da Mario Fantappié. Propone linee coordinate di borse, calzature, cinture e accessori e punta a un forte contenuto di design.

Desmo. È stata creata nel 1975 da Mario Fantappié a San Donato in Fronzano (Firenze). Propone linee coordinate di borse, calzature, cinture e accessori e punta a un forte contenuto di design.

Desmo
Desmo SS 2013 – Borsa Chiocciolina

Inoltre l’azienda, che esporta il 75 per cento della sua produzione, ha importanti punti vendita monomarca in Italia e in Giappone.

desmo
Desmo e le borse ispirate a Sex and The City

Leggi anche:

Piquadro

Piquadro-teconologia-e-tradizione

Piquadro

Piquadro. Azienda di pelletteria. Nasce nel 1987 a Bologna. L’idea è dell’allora ventiduenne Marco Palmieri, ancora presidente e amministratore delegato.

Piquadro. Azienda di pelletteria. Nasce nel 1987 a Bologna. L’idea è dell’allora ventiduenne Marco Palmieri, oggi ancora presidente e amministratore delegato. È lui che in soli tre anni riesce a trasformare la piccola azienda artigiana in una società per azioni. Piquadro inizia a proporsi al pubblico vendendo i suoi prodotti solo on-line: trolley, borse da viaggio, agende, raccoglitori e portapalmari.

piquadro
Zaino piquadro

Nel 2001, nasce la prima boutique monomarca a Milano, in via della Spiga. Successivamente, nel febbraio 2002, con l’acquisizione del 25 per cento dell’azienda da parte del fondo di private equity Fineco Capital, il brand ha la possibilità di rafforzare la propria presenza sui mercati esistenti e di ampliarla sui nuovi. In pochi mesi, durante il 2002 apre uno show room a Milano in Corso Vittorio Emanuele. Seguono poi altre tre boutique monomarca a Roma, in via Fratina; a Firenze, in via della Vigna Nuova; e a Milano, all’interno dell’Aeroporto di Linate.

piquadro
Store Piquadro

La produzione attuale è di 500 pezzi che si rinnovano ogni anno in 6 linee. Nel 2002 il fatturato ha raggiunto oltre i 13 milioni di euro. Si è registrata una crescita del 25 per cento rispetto all’esercizio precedente. Nel marzo del 2003, in occasione del Mipel, è stata presentata la nuova collezione Expansion System. Nel 2005 dopo un riassetto finanziario della società nasce la holding Piquadro S.p.A., a cui partecipa per il 35% BNL. L’anno successivo prende il via un’importante campagna di nuove aperture, sia in Italia che all’estero. Sempre nel 2006 viene creata Piquadro Hong Kong LTD. Lo scopo è quello di sviluppare la rete retail in Asia. Nel 2007, l’azienda viene quotata in borsa sulla piazza di Milano.

Leggi anche:

Piquadro-teconologia-e-tradizione

Passengers Piquadro

Mulberry Company

Mulberry Company. Marchio d’accessori fondato nel 1971 da Roger Saul. I suoi 21 anni, l’aiuto della madre e un piccolo risparmio gli bastarono per partire.

Mulberry Company. Marchio d’accessori fondato nel 1971 da Roger Saul. L’ottimismo dei suoi 21 anni, l’aiuto della madre nel lavoro e un piccolo risparmio di 500 sterline gli bastarono per partire.

mulberry company
Roger Saul

All’insegna dell’ombrosa chioma del gelso, da cui prende il nome, Mulberry ha imposto tra i primi il look outdoor di stile autenticamente britannico. La felice accoppiata materiali di qualità-grande resistenza ha contribuito a lanciare il marchio nel mondo. Così, dopo le cinture e soprattutto le borse destinate agli amanti della vita all’aria aperta, dal ’75 la gamma dei prodotti si è estesa fino all’abbigliamento e alla casa. (Laura Salza)

mulberry company
borsa a tracolla by mulberry company

2000. La società d’investimenti di Singapore Challice Limited (Ong Beng Seng e sua moglie Christina Ong), che possiede anche Club 21 di Singapore, il franchising per Armani in Inghilterra e Armani Exchange negli Stati Uniti, ha acquisito due anni fa il 41,5 per cento della Mulberry attraverso Challice.

2001. Perdita ante imposte di 1,7 milioni di sterline (2,7 milioni di euro). Challice investe 7,6 milioni di sterline per il rilancio del marchio, con anche la riapertura del negozio di Londra in Bond Street.

2002, dicembre. Nel primo semestre 2002, la perdita lorda è stata pari a 1,05 milioni di sterline, nonostante le vendite siano salite a 13,3 milioni, in rialzo del 10 per cento rispetto al 2001.

Leggi anche:

Giorgio Armani-e-Leonardo del Vecchio-due-imprenditori-per-la-ripartenza-dell’italia

Moda In Tessuto & Accessori

Manevitz, Isaac

Manevitz, Isaac. Designer egiziano per Ben-Amun, ha alle spalle oltre trent’anni di successi con la sua linea di gioielli e cinture.

Isaac Manevitz. Designer egiziano per Ben-Amun, ha alle spalle oltre trent’anni di successi con la sua linea di gioielli e cinture. La compagnia prende il nome dal figlio di Manevitz, Ben, e dal re d’Egitto Tutankhamon. Lavorando con materiali inusuali e raffinati, come il vetro, il cristallo e il peltro crea disegni unici. Le sue cinture sono realizzate con la migliore pelle italiana. Non solo è popolare grazie a editoriali pubblicati su riviste come Vogue, Elle e Marie Claire, ma è anche acclamato sulle passerelle: Isaac ha infatti lavorato con Calvin Klein, Donna Karan e Ralph Lauren.

Manvitz Isaac
Ben Amun

Isaac Manevitz ha portato il suo amore per la scultura nelle sue collezioni lavorando a pregiati ed insoliti materiali per creare disegni unici che sono sempre originali e mai deludenti. Lavora con materiali come la Lucite, il peltro, il vetro e il cristallo, che gli danno la capacità di fare i suoi gioielli distinti e ricchi di ispirazione. Le cinture, in finissima pelle italiana, prendono vita con le belle fibbie in fusione e dettagliate. Il suo design senza tempo e fresco continua ad eccitare l’industria e si rafforza con il tempo.

Leggi anche: 

Calvin Klein dice addio alla prima linea

 Harry styles sulla copertina di Vogue, continua la battaglia per il gender fluid

Earnest Sewn

Earnest Sewn. Denim brand americano dalla forte identità. L’idea è mescolare la bellezza estetica giapponese del Wabi-Sabi con il passato americano.

Earnest Sewn. Denim brand americano dalla forte identità, nasce dall’idea di mescolare la bellezza estetica giapponese del Wabi-Sabi con il passato americano. Disegnato e lanciato dal co-fondatore di Paper Denim & Cloth Scott Morrison, il brand ha come principi l’artigianalità e la qualità. In tutti i prodotti Earnest Sewn, a partire dai celebratissimi jeans, fino alle borse da viaggio e alle cinture, si può notare il tocco dell’artigiano che ne ha eseguito le rifiniture. Le cuciture sono qualche volta irregolari e le piccole imprecisioni danno il senso di acquistare qualcosa di realmente unico.

Potrebbe interessarti anche

Evisu

Versus si fonde in Versace jeans

Eve

Il marchio-insegna, una piccola mela morsicata, appare per la prima volta nel 1965. Propone una propria collezione di borse, cinture, scarpe, portafogli e sacche da viaggio.

Eve. Il logo del brand, una piccola mela morsicata, appare per la prima volta nel 1965. Propone una propria collezione di borse, cinture, scarpe, portafogli e sacche da viaggio. Da allora, le creazioni firmate Eve si caratterizzano per la morbidezza dei materiali, i volumi inusuali, i colori spregiudicati e l’accuratezza artigianale nei dettagli. Negli anni, al marchio del debutto si sono aggiunti La Viaggeria e Midnight Express. Nei negozi milanesi di via Solferino e via Mascheroni, viene venduta anche una collezione di moda pronta: abiti pratici e comodi. Da sempre, il designer è Guido Orsi.

Potrebbe interessarti anche

Carpisa: la voce del dizionario della moda

Rimowa personalizza le valigie per il natale

Celyn B.

Celyn B. nasce nel 1998 dalla collaborazione di una giovane coppia di imprenditori, Elisabetta Franchi e Sabato Cennamo. Celyn B. è un “total living”.

Celyn B. nasce nel 1998 dalla collaborazione di una giovane coppia di imprenditori, Elisabetta Franchi e Sabato Cennamo. Creatività, innovazione e attenzione ai mercati sia nazionali che internazionali sono gli ingredienti della ricetta del successo di questo brand. Il target è una donna elegante, sensuale, raffinata e moderna. Celyn B. è un “total living”, infatti non si limita all’abbigliamento, ma anche a scarpe, altri accessori moda come borse, braccialetti, cinture e collane e una linea di complementi per la casa. La caratteristica è l’attenzione per i dettagli, stampe e forme che ispirano la femminilità a uscire con una nuova visibilità.

Beguelin, Henry

Beguelin, Henry. Stilista svizzero di accessori: borse, cinture e scarpe. La scoperta della pelle, materiale che lo accompagnerà in tutto il suo lavoro creativo, è dovuta all’incontro con un maestro sellaio di Locarno.

Beguelin, Henry. Stilista svizzero di accessori: borse, cinture e scarpe. La scoperta della pelle, materiale che lo accompagnerà in tutto il suo lavoro creativo, è dovuta all’incontro con un maestro sellaio di Locarno. Nel 1970 apre un negozio-laboratorio a Marina di Campo, paesino dell’isola d’Elba. Da qui, le sue borse, le sue scarpe, le sue cinture sbarcano sul mercato americano, grazie alla collaborazione con Barney’s New York. A metà degli anni ’90 l’azienda viene acquisita da Tullio Marani che avvia anche la distribuzione di oggetti per l’arredamento. In Usa è distribuito da Barney’s. Nel ’99, inaugura una seconda bottega a Vigevano dove viene prodotta la sua nuova collezione Henry Cuir.

Nel 2000 ad Aspen, Colorado, viene aperta la prima boutique americana di Beguelin, seguita da altre in città importanti come Los Angeles, New York e Tokyo.

Tra il 2003 e il 2004 sono state inaugurate nuove boutique a Fukoka, Chicago, New York ed è stato rinnovato lo storico negozio a Milano.

Potrebbe interessarti anche

prada e sostenibilità: l’azienda non userà più pelle di  canguro 

Beryll

Beryll. Compagnia fondata a Los Angeles dal designer Sigman Berg. Quest’ultimo, australiano, nato come architetto, crede nell’arte e nell’alchimia tra forma e funzione. Le edizioni limitate di occhiali da sole furono i primi prodotti realizzati, seguiti poi da gioielli, cinture e borse che vanno oltre i trend grazie al design semplice, ma originale. Oro, argento, pelle vintage di oltre quarant’anni, acciaio privo di nichel sono i materiali più usati, per creazioni che puntano sull’artigianato. Venduti in tutto il mondo in negozi come Barney’s, Bergdorf Goodman o le Bon Marche, i prodotti Beryll sono diventati must-have per celebrità come Angelina Jolie e Sharon Stone.