Seta

Seta, fibra naturale. È da sempre sinonimo di nobiltà, eleganza, lusso. Nasce dalla bava filamentosa con cui un piccolo baco intreccia il suo bozzolo.

Seta, fibra naturale. “Il tessuto da indossare per raggiungere Dio”, così un antico proverbio cinese definisce la seta. È da sempre sinonimo di nobiltà, eleganza, lusso. Una magnificenza che trae origine dalla bava filamentosa con cui un piccolo baco intreccia il suo bozzolo. La sericoltura nasce intorno al 2600 a.C. in Cina, paese che ancor oggi fornisce i due terzi del prodotto mondiale di filato greggio. Un’esperienza millenaria che si intreccia con la storia dei rapporti tra Oriente e Occidente. Il periodo aureo di tessitura della seta in Europa fu senza dubbio il ‘500: sfarzosi damaschi, broccati e velluti venivano prodotti a Venezia, Firenze, Lione per le corti di tutto il mondo. In base all’armatura i tessuti serici si distinguono in quattro gruppi: tele o taffettà, saglie o diagonali, rasi o satin, jacquard. Dal titolo del filato, ossia dalla sua finezza, e dal grado di torsione dipende la qualità della stoffa. Il tipo di fibra ne determina invece la resistenza: l’organzino, che ha fibra lunga e ritorta, è molto più resistente della “bourette” che deriva dal cascame di seta.

Tra le tipologie più note lo shantung, d’aspetto irregolare caratterizzato da nodi che risaltano sulla tela, gli ottoman a effetto canneté, le organze e tutti gli stampati piazzati o “all-over” che costituiscono la specializzazione di tante aziende comasche. Producono bozzoli da seta Cina e Giappone. È stata una produzione tipica dell’Alta Lombardia. Ma da molti anni è in disuso. Il che ha cambiato anche il paesaggio, per la scomparsa dei gelsi.

Leggi anche: 

Jacquard

 Roberto Capucci, i 90 anni dello scultore della seta 

Tussor

Tussor è un tessuto in seta tussah, seta selvaggia prodotta in Cina e India. Filato molto lucente e irregolare, che proviene da bachi cresciuti allo…

Tussor è un tessuto in seta tussah, seta selvaggia prodotta in Cina e India. Filato molto lucente e irregolare, che proviene da bachi cresciuti allo stato naturale. Spesso a strisce colorate.

Leggi anche

E’ pugliese il primo cotone 100% Made in Italy 

Ke, Ma

Ma Ke. stilista cinese della nuova generazione. Nata nel 1971, ha un approccio filosofico alla moda. Exception de Mixmind è una delle griffe più amate.

Ma Ke. La più importante stilista cinese della nuova generazione. Nata nel 1971, ha un approccio filosofico alla moda, che attraverso la creazione dei suoi abiti la porta a una vera e propria ricerca artistica.

La stilista si fa fotografare solo di spalle. Da oltre un decennio, Ma Ke veste la first lady Peng Liyuan.

Ma Ke

La First Lady, Peng Liyuan

Con il suo marchio Exception de Mixmind, è distribuita in più di 60 negozi in tutta la Cina e rappresenta una delle griffe più amate dagli intellettuali e dagli artisti. Nel 2007  il regista Jia Zhangke ha ottenuto un premio al Festival di Venezia per un documentario sulle creazioni di Ma Ke. Dal 2007 la seconda etichetta Wuyong è presentata a Parigi con grande successo. Atmosfere sognanti, rielaborazioni in chiave astratta degli abiti tradizionali cinesi con contaminazioni occidentali.

Leggi anche:

Carolina Herrera-l’elegante-signora-del-fashion-biz-compie-gli-anni

La-storia-non-raccontata-di-Ann Lowe

Cheongsam

Cheongsam o Qi-pao. Vestito della tradizione popolare cinese, in puro stile Suzy Wong. In seta liscia o lavorata, a fantasia jacquard.

Cheongsam o Qi-pao. Vestito della tradizione popolare cinese, in puro stile Suzy Wong. In seta liscia o lavorata, a fantasia jacquard o a motivi floreali, è molto attillato e aderente al corpo, colletto alla coreana e abbottonatura, con alamari e bottoni in tessuto, che va in diagonale dalla base del collo all’incavo della manica, quasi sempre molto corta. Profondi spacchi laterali sulla gonna o un solo alto spacco che arriva al fianco. A volte è bordato in colore contrastante.

Cheongsam
Tipico vestito Cheongsam.

Molto femminile lo portava Jennifer Jones nel film strappalacrime L’amore è una cosa meravigliosa (1955), che prese un Oscar per i costumi di Charles Le Maire. Nei più recenti anni ’90, lo cheongsam ha esaltato la bellezza di Gong Li, da Ju Dou a Lanterne rosse. È stato ripreso più volte dalla moda occidentale, per abiti corti estivi o lunghi da sera.