De Grisogono

De Grisogono è un’azienda  di alta gioielleria, fondata nel 1997 a Ginevra (Svizzera) da Fawaz Grumosi assieme a due altri soci, la sua prima boutique.

De Grisogono
De Grisogono orologio

De Grisogono è un’azienda  di alta gioielleria. Fondata nel 1997 a Ginevra (Svizzera) da Fawaz Gruosi assieme a due altri soci. La sua prima boutique di gioielli è al 104 della centralissima Rue de Rhône. Chiamata ‘de Grisogono’, come il cognome della madre di uno dei suoi colleghi.

Nel 1995 Gruosi lascia la società e fonda da solo la de Grisogono S.A. L’anno successivo ha l’intuizione, rivelatasi poi vincente, di creare una collezione di gioielli interamente fatta con diamanti neri. Da quel momento in poi le parure realizzate con i rari e magnetici diamanti color ebano diventano il segno distintivo della casa ginevrina. Grazie all’eccezionalità di questo tipo di diamante, altre gemme preziose e perle, a esso accostate in creazioni di modello inedito e molto audaci dal punto di vista dell’invenzione, hanno assunto nuove valenze espressive.

Nel ’97 viene inaugurata a Londra la prima boutique de Grisogono battente bandiera britannica (al numero 3 di Burlington Gardens) . Nel ’99 tocca al Palace Hotel di Gstaad in Svizzera. Di anno in anno, sono scaturiti sempre nuovi gioielli che hanno coniugato la tradizione artistica italiana — Fawaz Grumosi è di origini fiorentine — con le espressioni più avanzate del design orafo contemporaneo.

De Grisogono
Anello con smeraldo e zaffiri

I primi anni del 2000

Nel 2000 è la volta degli orologi. La prima collezione, che Gruosi chiama Instrumento N°Uno, viene presentata alla Fiera Mondiale di Orologi e Gioielli di Basilea. I primi al mondo ad avere il cinturino in Galuchat (la pelle conciata di squalo). Nello stesso anno è inaugurata a Roma la prima boutique italiana de Grisogono e viene lanciata sul mercato una collezione realizzata con diamanti di colore bianco latte, ribattezzati ‘Ice Diamonds’.

Nel 2001 viene realizzata una seconda linea di orologi, la Instrumentino, versione for women di Instrumento N°Uno. La storica boutique di Ginevra, intanto, si sposta dal 104 di Rue de Rhône al 27 della medesima via e presso Plan-les-Ouates, sempre nel cantone di Ginevra, inaugura gli uffici stile e amministrativi del gruppo.

Il 2002 è la volta di un altro orologio, Instrumento Doppio, realizzato in edizione limitata di 500 esemplari: il nome si riferisce alla cassa double face che permette di leggere, a scelta, un quadrante con funzioni di cronografo/grande datario o un quadrante con un secondo fuso orario.

Nel 2003 Gruosi lancia due nuovi orologi, Instrumento Doppio Tre e Instrumento Tondo. Il primo con doppia cassa e un terzo fuso orario e il secondo con un quadrante rotondo.Inoltre crea una collezione di gioielli in Galuchat che affianca la collezione tradizionale con i diamanti neri. Viene aperta una filiale de Grisogono a New York e inaugurate due boutique, una a Parigi e l’altra a St. Moritz.

Dal 2004

Fra il 2004 e il 2006 la casa produce nuovi modelli, per altrettante forme e funzionalità, di orologi. Sperimenta una nuova sfumatura di oro, la ‘Browny Brown Gold’, sviluppata con un trattamento speciale basato sul procedimento PVD (Physical Vapour Depositino).

Nel 2007 Gruosi rileva il pacchetto azionario di Chopard, restituendo la compagnia al suo proprietario originario. Investe in un nuovo e più grande laboratorio di orologeria, attrezzato con le apparecchiature più moderne e tecnicamente all’avanguardia.

Il 2008 è il quindicesimo anniversario della società, che ormai conta boutique nelle vie e nei department store più prestigiosi del mondo e una rete di outlet retailer pari a 150 unità.

A cavallo tra il 2009 e il 2010 nuovi partner entrano a far parte della società, acquisendo il 40% del capitale totale. L’imprenditore Gerald Roden diventa direttore generale del gruppo. Il suo primo obiettivo: ristrutturare e sviluppare l’espansione del marchio a livello worldwide.

Nel 2011 Fawaz Gruosi rende omaggio ai 15 anni di storia dei gioielli fatti con i diamanti neri, creando una nuova collezione di orologi battezzata ad hoc Black Forever.

Potrebbe interessarti anche

Van Cleef e Arpels: la voce del dizionario della moda

Richemont in utile del 4 % grazie alla gioielleria

Chopard

Chopard. Manifattura di orologi di alta precisione, fondata nel 1860 da Louis-Ulysse Chopard a Sonviller, nel Giura svizzero.

Chopard. Manifattura di orologi di alta precisione, fondata nel 1860 da Louis-Ulysse Chopard a Sonviller, nel Giura svizzero. Inizialmente produceva orologi da tasca e cronometri. Poi, quando la fabbrica fu trasferita a Ginevra, nel 1920, passò alla produzione di modelli di lusso. Nel ’63 la maison fu acquistata da Karl Scheufele che, in Germania, era già proprietario dell’azienda Eszeha, specializzata in orologeria e gioielleria. Da quel momento in poi la produzione delle due fabbriche fu accomunata dal marchio Chopard.

I modelli più famosi

Risale al ’76 la presentazione del primo orologio Happy Diamonds, uno dei modelli-simbolo dell’azienda, sul cui quadrante, imprigionati fra due vetri zaffiri, si muovono liberamente alcuni diamanti. A esso fecero seguito, fra gli altri, l’Happy Sport e l’Ice Cube.

Chopard

Negli anni ’80 si aprirono le prime boutique Chopard: a Hong Kong, a Ginevra, a Vienna. Nel ’93, per iniziativa di Karl-Friedrich Scheufele, figlio di Karl, apre una nuova manifattura orologiera a Fleurier.  Ha inizio la produzione dei movimenti denominati L.u.c., dalle iniziali di Louis-Ulysse Chopard, tra i quali il L.u.c Quattro, il L.u.c. Tonneau 3.97, il L.u.c. Tourbillon, quest’ultimo presentato alla Fiera di Basilea 2003. Caroline Gruosi-Scheufele, sorella di Karl-Friedrich, è direttore artistico della gioielleria e degli accessori. Si deve a lei la creazione, fra le altre, delle collezioni Casmir — un classico della maison — La vie en rose, Golden Diamonds: quest’ultima, presentata nel 2003, si è rivelata rivoluzionaria nel campo dell’alta gioielleria poiché in essa l’oro prende forma di pietra preziosa, sostituendola.

Chopard
Chopard- collezione La vie en rose

L’azienda oggi

Oggi la Chopard, di cui sono presidenti Karl e la moglie Karin — e vicepresidenti i figli Karl-Friedrich e Caroline, conta nel mondo 66 boutique monomarca. All’interno delle fabbriche svizzere e tedesche (Pforzheim), con produzione a ciclo completo, operano maestranze altamente specializzate che esercitano 45 differenti professioni: dalla tecnica di fusione dell’oro all’ingegneria-orologiera. In esclusiva, presso le boutique sono in vendita gli accessori — occhiali, foulard, cravatte, oggetti decorativi — e i profumi. Dal 1988 Chopard è sponsor ufficiale della corsa italiana d’auto d’epoca Mille Miglia, cui ogni anno dedica la creazione di un nuovo orologio, e del Festival Internazionale del Film di Cannes.

Leggi anche

Gli orologi svizzeri made in china cominciano a diventare di lusso

Van Cleef Arpels in mostra a palazzo reale