Sabbah, Claude

Sabbah. Stilista marocchino. Nato a Casablanca, lavora dal ’97 a New York (show room in Center street) creando modelli unici per un pubblico ristrettissimo

(1965). Stilista marocchino. Nato a Casablanca, lavora dal ’97 a New York (show room in Center street) creando modelli unici per un pubblico ristrettissimo in  funzione delle sue personalissime riflessioni sul modo e l’uso del vestire. Ama i tessuti di “camouflage” che ricerca negli stock di mezzo mondo. Prima di mettersi in proprio, ha lavorato a lungo a Parigi come stilista assistente da Chantal Thomass e Jacques Esterel. Oltre a occuparsi di moda, partecipa a film ed eventi mediali, produce musica hip-hop e scrive poesia.

Leggi anche:

Dior cruise 2020 sfila in Marocco

Khumalo: Il brand made in Africa alla Milano Fashion Week

Tournafol, Christian

Tournafol, Christian (1968). Stilista francese. Le sue creazioni evocano la Bretagna, sua terra natia, le tradizioni del mondo marinaro e la…

Tournafol, Christian (1968). Stilista francese. Le sue creazioni evocano la Bretagna, sua terra natia, le tradizioni del mondo marinaro e la cultura celtica di quella regione. Si è diplomato in industria dell’abbigliamento a Brest, alla scuola di Belle Arti di Nancy e al liceo della moda di Cholet. Si fa le ossa presso gli atelier di Chantal Thomass, Jerome L’Huillier e Michel Klein. Lancia nel 1996 la sua prima collezione, ispirata al tradizionale costume bigouden, ricca in colori e ricami. Nel ’97 a Tournafol viene l’idea di assemblare in maniera singolare un maglione da pescatore e una gonna lunga, creando così l’abito-pull, che diventa un pezzo chiave delle sue collezioni. Disegna anche le linee Busnel e Busnel Marine, specializzate in maglieria.

Leggi anche

La Gran Bretagna fuori dall’Europa 

Larizzi, Sidonie

Larizzi Sidonie (1942). Stilista francese di calzature femminili. È celebre per i tacchi alti e l’impronta divistica delle sue creazioni.

Larizzi Sidonie (1942). Stilista francese di calzature femminili. È celebre per i tacchi alti e l’impronta divistica delle sue creazioni.

Collabora con i nomi più prestigiosi della moda: Ungaro, Patou, Chloé, Chantal Thomass, Balmain, Oscar De La Renta, Lacroix.

Dopo esperienze diverse, in campo artistico e commerciale, nel 1978 lancia la linea che porta il suo nome e contemporaneamente apre la prima boutique in rue de Marignan a Parigi.

Passa con disinvoltura dai materiali classici (coccodrillo, lucertola, struzzo) a quelli più insoliti (sughero, paglia, garza, legno), dando vita ogni volta a creazioni personalissime.

larizzi

Leggi anche:

I-cinque-brand-da-tenere-sottocchio-nel-2021

Fatheron-nuovo-fashion-brand-tra-creatività-ed-eleganza