Tancredi, Franco

Tancredi Franco. Presidente del Centro di Firenze per la Moda Italiana fino all’87. Fra i principali artefici delle fiere internazionali di moda di Firenze

Tancredi, Franco (1922-1989). Presidente del Centro di Firenze per la Moda Italiana dal 1967 all’87. Fra i principali artefici dello sviluppo iniziale delle fiere internazionali di moda che si svolgono a Firenze. Nel ’67 Tancredi ha contribuito all’ideazione e organizzazione della prima rassegna italiana di prêt-à-porter femminile (Pitti Donna). Negli anni successivi, sono poi seguite sotto suo impulso altre manifestazioni tra cui Pitti Uomo (’72), Pitti Bimbo (’75), Pitti Filati (’77) e Pitti Casa (’78).

Con l’Associazione Industriali dell’Abbigliamento e con l’associazione Magliecalze Tancredi raggiunge nell’83 un accordo di collaborazione che porta alla creazione dell’Emi-Ente Moda Italia (lo presiede fino all’89) per la promozione della moda italiana all’estero e l’organizzazione di manifestazioni specializzate in concomitanza con quelle di Pitti.

Decisivo è stato anche il ruolo che Tancredi ha svolto nella fase critica che le manifestazioni di moda fiorentine hanno attraversato nella prima metà degli anni ’80. Prima cioè di assumere nel 1988 la denominazione di Pitti Immagine e di inaugurare una nuova stagione di successi internazionali e di larghi consensi tra i principali protagonisti dell’industria italiana della moda.

Leggi anche:

Morto Beppe Modenese, il promotore del Made In Italy

Piero Tosi, il grande costumista italiano

Ente Moda Italia

Ente moda Italia. Società non-profit creata nel 1983 su iniziativa dell’Associazione Moda Industria e del Centro di Firenze per la Moda Italiana

Ente moda Italia. Società non-profit creata nel 1983 su iniziativa dell’Associazione Moda Industria e del Centro di Firenze per la Moda Italiana. Il fine è cogestire alcune manifestazioni di Pitti Immagine e per promuovere e valorizzare il made in Italy all’estero. Ma anche organizzare la partecipazione di qualificate aziende italiane alle manifestazioni internazionali più importanti e contribuire allo sviluppo di opportunità commerciali in nuovi mercati emergenti. L’Ente moda Italia gestisce (con il patrocinio del Ministero e dell’Istituto per il Commercio Estero) mostre semestrali specializzate per la moda italiana a New York (Made in Italy at The Collective, moda maschile, e Made in Italy at Fashion Coterie, moda femminile), a Hong Kong (Europe Selection in collaborazione con l’Igedo di Düsseldorf), a Mosca (Alta Moda Italia, a Moda Moscow) e a Tokyo (Ginza Collections). Attuale presidente di Emi è Umberto Angeloni, mentre l’amministratore delegato è Marco Mayer.

Potrebbe interessarti anche

Camera nazionale della moda italiana, la voce del dizionario della moda

Morto Giuseppe Modenese il promotore del made in Italy

Centro di Firenze per la Moda Italiana

Il Centro di Firenze per la moda italiana è un’associazione pubblico-privata  senza finalità di lucro. Dal 1954 promuove la realizzazione in Italia e all’estero di una serie di attività commerciali, culturali, di comunicazione e di formazione a sostegno della moda italiana.

Il Centro di Firenze per la moda italiana è un’associazione pubblico-privata  senza finalità di lucro. Dal 1954 promuove la realizzazione in Italia e all’estero di una serie di attività commerciali, culturali, di comunicazione e di formazione a sostegno della moda italiana. È la holding di Pitti Immagine e dell’Ente Moda Italia. Il Centro fornisce le linee generali di politica fieristica e promozionale. Il fine è  il coordinamento con le esigenze delle associazioni imprenditoriali del tessile-abbigliamento italiano. Ma anche il coordinamento con le esigenze degli enti di governo politico ed economico locale che fanno parte della sua compagine societaria. Inoltre il Centro di Firenze per la moda italiana ha realizzato importanti iniziative nel campo della ricerca e della cultura della moda. Diverse le collaborazioni anche con prestigiosi musei e istituti culturali internazionali. Tra le più recenti, il progetto della Biennale di Firenze, di cui il Centro è stato il principale promotore.

Leggi anche

pitti-febbraio : la fiera verso lo slittamento